Paesi etnei verso le amministrative, saltano gli schieramenti: nomi vecchi e nuovi

San Giovanni La Punta, Tremestieri Etneo e Pedara: tre piazze in cui la partita si gioca all'ombra di fratture politiche e coalizioni trasversali

Le prossime elezioni amministrative ai piedi dell'Etna si preannunciano movimentate: gli schieramenti di partito sembrano non aver avuto, fino a questo momento, un ascendente significativo sulla formazione delle alleanze. Le realtà locali godono ancora di un'autonomia sostanziale quando si parla di candidati, ad eccezione naturalmente del Movimento 5 Stelle che parte sempre in solitaria individuando sin da subito al proprio interno i candidati. Le divergenze sono spuntate fuori a San Giovanni La Punta dove la la ricandidatura del sindaco uscente Nino Bellia è stata l'occasione per far emergere la mancata unità delle forze di centrodestra: a partire dalle fibrillazioni in casa Fratelli d'Italia, con la sospensione della consigliera uscente Laura Iraci e parte dei meloniani che, pur non pronunciandosi esplicitamente, appoggerebbero la corsa a sindaco del sempreverde Santo Trovato. Sullo sfondo resta la possibile candidatura del leghista Lorenzo Seminerio e la candidatura mai nata di Giuseppe Toscano. La consigliera uscente Giusy Rannone è invece il punto fermo dei pentastellati.

Altra piazza dove si gioca una partita importante è Tremestieri Etneo: si è ancora in attesa di conoscere chi dovrà sfidare la “corazzata Rando”. Il sindaco uscente infatti è tutt'ora blindato all'interno della coalizione che lo ha sostenuto fino ad ora in Consiglio comunale e che probabilmente, a meno di colpi di scena, dovrebbe riproporsi compatta alle urne. Anche qui per il momento è arrivata solamente l'ufficialità del candidato dei 5 Stelle, con la consigliera uscente Simona Pulvirenti, ma si parla anche di Santo Nicosia e di Ketty Rapisarda Basile. Secondo alcuni “rumors”, la Basile ha iniziato a tenere colloqui “esplorativi” con alcuni esponenti politici che non vedono di buon occhio lo strapotere dei sammartiniani di Italia Viva.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A completare il quadro dei Comuni che andranno al voto in condizioni, per così dire, post-ideologiche c'è Pedara: lì le disastrate condizioni del bilancio comunale fanno da cornice alla frattura che si è consumata all'ombra del deputato e segretario regionale del Pd Anthony Barbagallo. Il sindaco uscente Antonio Fallica ha perso da tempo l'appoggio dell'ex assessore regionale al Turismo e l'area di riferimento, infatti, sembra convergere verso Alfio Cristaudo. Il consigliere uscente Nuccio Tropi sarà ancora in corsa per il Movimento 5 Stelle mentre non è ancora chiara la compagine che potrebbe sostenere la ricandidatura di Fallica: anche qui, le incertezze (o le debolezze) degli esponenti che fanno riferimento all'area più destrorsa, potrebbero condizionare la scelta. Rimane da inquadrare politicamente la nomina - su indicazione del sindaco metropoliano Salvo Pogliese - dell'attuale vicesindaco Francesco Laudani a presidente della Srr, la Società di regolamentazione dei rifiuti dell'area metropolitana.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sparatoria in viale Grimaldi, coinvolte almeno sei persone: due i morti

  • Sparatoria in viale Grimaldi, si scava nel mondo della droga per cercare il movente

  • Coronavirus, Musumeci firma nuova ordinanza: cosa cambia adesso in Sicilia

  • Cancro al colon-retto, nuova tecnologia per la diagnosi precoce

  • Dopo una festa alla Playa accusa i sintomi del Coronavirus, minorenne positivo in isolamento domiciliare

  • Incidente mortale a Trecastagni, perde la vita un minorenne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento