Palazzine via Bernini, Cardello (Italia Viva): “Basta con questo degrado”

La denuncia del consigliere del II municipio in seguito al sopralluogo effettuato sotto gli archi degli immobili posti a pochi passi dal centralissimo viale Vittorio Veneto

Palazzine di via Bernini e degrado: un connubio che va avanti da tempo e che viene denunciato dal consigliere di “Italia Viva” del II municipio Andrea Cardello, in seguito al sopralluogo effettuato sotto gli archi degli immobili posti a pochi passi dal centralissimo viale Vittorio Veneto.

"Praticamente parliamo di una immensa pattumiera - dice Cardello - a cielo aperto con intonaci, calcinacci e mattoni che vengono giù dal soffitto; a chi appartenga questa struttura interessa poco ai catanesi perchè l'unica cosa che vogliono è eliminare lo schifo che appare ai loro occhi tutte le volte che transitano per via Bernini. Anni di iter burocratici lunghissimi, porte e finestre murate, cancellate agli ingressi per poi ritrovarsi alla fine tutto questo. Qualcuno, ancora oggi, vive sotto i portici in sistemazioni di fortuna con il rischio che il tetto possa venire giù da un momento all'altro. Se ci scappa la tragedia - prosegue Cardello - poi di chi sarà la colpa?”.

Transenne e sbarre non impediscono l'accesso ai passaggi pedonali interni, senza considerare che la rete di sicurezza in alcuni punti sta cedendo. “L'amministrazione deve intervenire immediatamente per questioni di pubblica incolumità ed eventualmente agire a danno dei proprietari - conclude il consigliere di “Italia Viva”- al posto di questa bruttura qualsiasi cosa andrà bene: perfino la provocazione di buttare giù le palazzine e al loro posto farci un parcheggio”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento