Pd, Raciti risponde a Serracino sulla polemica tesseramento: "Tutto in regola bastava informarsi"

"Le 400 persone cui si fa riferimento nella nota hanno fatta istanza di iscrizione in quanto impossibilitate ad aderire al Pd nelle giornate ufficiali di tesseramento, aperte a tutti, che si sono svolte in provincia di Catania"

"Le 400 persone cui si fa riferimento nella nota hanno fatta istanza di iscrizione in quanto impossibilitate ad aderire al Pd nelle giornate ufficiali di tesseramento, aperte a tutti, che si sono svolte in provincia di Catania. Alcuni circoli che dovevano in quei giorni essere aperti erano, invece, chiusi, come testimoniato anche dall'ampia polemica sulla stampa locale che ne è seguita in maniera, a volte, inappropriata". Così il segretario del Pd in Sicilia, Fausto Raciti, replica a proposito del tesseramento nella provincia di Catania a Marco Sarracino, portavoce della mozione Orlando.

"Queste persone hanno, legittimamente, presentato ricorso presso la commissione regionale per il congresso che si riunirà la settimana prossima - aggiunge - Per non ledere l'eventuale diritto al voto e, contemporaneamente, non rischiare di inficiare, in caso di annullamento delle loro adesioni, il voto dei circoli, abbiamo predisposto un seggio apposito separato dagli altri".

Prosegue Raciti: "È una procedura che consente alla commissione regionale di esprimersi liberamente sull'ammissibilità di quelle iscrizioni a tutela dei voti espressi anche in favore di Andrea Orlando, risultato maggioranza in alcuni dei circoli interessati, e che garantisce serenità delle operazioni di voto". "Sarebbe bastato leggere la mia comunicazione ufficiale per rendersene conto, ma evidentemente è stato preferito farne a meno - conclude Raciti - Forse stupisce che in Sicilia la discussione congressuale stia procedendo in un clima sereno e senza grandi intoppi, pazienza se Sarracino ne è deluso"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento