rotate-mobile
Mercoledì, 10 Agosto 2022
Politica

Il Pd serra i ranghi per le regionali, quattro liste su Chinnici, Barbagallo: "Provenzano deve candidarsi in Sicilia"

Un lungo discorso del segretario regionale del Partito democratico è stato oggetto della relazione - approvata all'unanimità - in occasione della direzione regionale del partito: "Letta ha invocato gli occhi della tigre", ha detto il dem

Saranno quattro le liste a sostegno della candidatura di Caterina Chinnici alla presidenza della Regione. Ad annunciarlo agli organi di stampa è stato il segretario regionale del Partito democratico Anthony Barbagallo. "Il segretario Letta ha invocato gli occhi della tigre per un impegno di tutti, ai massimi livelli, in una tornata elettorale decisiva: il Pd contro la destra-destra di Giorgia Meloni", è il commento del segretario dem durante la Direzione regionale convocata per procedere all'istruttoria per la composizione della lista dei candidati siciliani del Pd alle Politiche del 25 settembre. "Stiamo vivendo un momento epocale ma non vogliamo, non possiamo, non dobbiamo tirarci indietro - ha incalzato Barbagallo - In particolar modo dopo il successo alle primarie in Sicilia, in cui siamo riusciti a portare a casa un risultato voluto, cercato e ottenuto, non senza tribolazioni".

A sostegno di Chinnici ci sarà anche la lista del presidente: 'lista Chinnici'. "Dalla settimana prossima ci incontremo con i responsabili dei partiti della coalizione (M5s e Centopassi, ndr) per definire l'agenda politica ed elettorale - ha assicurato Barbagallo -. Il risultato delle primarie è la dimostrazione che il Pd siciliano c'è. Che questa classe dirigente ha assunto un impegno e lo ha portato a casa", ha sostenuto. "Ma oggi è anche l'occasione, partendo dall'analisi del voto alle primarie per procedere con la composizione delle liste per le Politiche" ha detto il segretario regionale. "I criteri sono quelli previsti dal regolamento varato a livello nazionale. Ma è stata ribadita dai vertici nazionali del Partito l'esigenza del massimo impegno di tutti, io per primo, per cercare di comporre un elenco di candidati e candidate di assoluto prestigio, di indiscutibile qualità. Sull'uninominale c'è più margine temporale per discutere ma sul proporzionale - ha proseguito - bisogna lavorare per garantire la massima rappresentanza dei territori: una sfida ardua alla luce del taglio dei parlamentari".

"In primo luogo - ha concluso - serve quindi la disponibilità in prima persona delle massime cariche del partito. Per questo chiederò al segretario nazionale che Peppe Provenzano sia candidato in Sicilia. E per questo do la mia disponibilità ad affrontare le Politiche in prima persona: adottiamo la formula del doppio centravanti per sfidare le destre in Sicilia". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Pd serra i ranghi per le regionali, quattro liste su Chinnici, Barbagallo: "Provenzano deve candidarsi in Sicilia"

CataniaToday è in caricamento