Coronavirus, Marano (M5S): “In Sicilia si rischia una bomba sociale"

L'esponente del Movimento 5 Stelle chiede un piano di contrasto alla povertà

La deputata regionale del Movimento Cinque Stelle Jose Marano ha presentato un'interrogazione al presidente della Regione, all'assessore regionale alla Famiglia e all'assessore delle politiche sociali per verificare se la Regione abbia già messo in campo un piano straordinario contro il disagio sociale, specie alla luce dell'attuale emergenza dovuta al Coronavirus che ha comportato il blocco dell'intero sistema economico.

“In questa delicata fase occorre pensare al presente ma anche al futuro prossimo perché la Sicilia rischia di uscire dall'emergenza sanitaria e di piombare in un'emergenza sociale senza precedenti. La nostra regione – spiega Marano – ha già un tasso elevatissimo di famiglie in condizioni di povertà relativa, nel 2018 il 22,5 per cento, e un alto tasso di disoccupazione, specie giovanile che si attesta al 41%: numeri preoccupanti che rischiano di essere incrementati dal blocco totale dell'economia di queste settimane”.

“In tantissimi rischiano di perdere il posto di lavoro, molti altri non fattureranno nulla, altri ancora dovranno chiudere bottega per il fermo del circuito economico. Rischiamo di cadere in una crisi profonda se il governo regionale non predispone sin da adesso misure sociali forti e incisive. Per questa ragione ho chiesto al presidente Musumeci quali e quanti aiuti economici, oltre a quelli su cui sta lavorando il governo nazionale, sono previsti per le fasce più deboli e quale sia la programmazione delle politiche sociali per affrontare la crisi occupazionale. Chi era già indietro rischia di restare ancora più indietro e non possiamo permetterlo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento