Ragusa (M5S) chiede che i consigli di Municipalità tornino a riunirsi in presenza

Il consigliere del IV Municipio auspica che le conferenze online non diventino un privilegio a lungo termine

Le sedute del consiglio di municipalità potrebbero continuare a svolgersi in videoconferenza fino al 31 luglio, salvo nuove direttive. A differenza di quanto avviene a Palazzo degli Elefanti, infatti, nei Municipi di Catania vige una regolamentazione indipendente e si è scelto di prorogare lo stato di emergenza, facendolo coincidere con i termini individuati dal Governo nazionale. In questo modo, tuttavia, viene meno la possibilità di interloquire in maniera diretta e confrontarsi anche con i cittadini. Il consigliere della quarta Municipalità, appartenente al Movimento 5 Stelle, è intervenuto sulla questione scrivendo insieme altri 8 consiglieri all’avvocato Marco Petino, direttore dell’ufficio Decentramento ed al presidente del Municipio San Giovanni Galermo-Trappeto-Cibali, Erio Buceti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“E’ paradossale che non sia ancora possibile convocare dal vivo i consigli di circoscrizione, mentre da oggi sono consentiti dirittura gli spostamenti tra le Regioni. Ieri si è persino assistito ad una manifestazione politica in piazza Stesicoro, cui ha preso parte il Sindaco. Giovedì il consiglio comunale tornerà a riunirsi a palazzo degli Elefanti. Mentre invece nella sfera locale dei quartieri si preferisce continuare ad utilizzare una piattaforma online, con le annesse limitazioni. Abbiamo chiesto enormi sacrifici ai commercianti e imprenditori: credo sia doveroso adesso dare l'esempio in prima persona e tornare ad essere presenti nel territorio, adottando ovviamente le dovute precauzioni. E’ fondamentale, a mio avviso, far ripartire la politica in presenza, anche con le sedute itineranti. Sono indispensabili per ascoltare dalla voce dei cittadini le loro esigenze e rendersi conto delle reali priorità e delle scelte da adottare. Ho sollevato questa problematica scrivendo al presidente della IV Municipalità ed all’avvocato Marco Petino, direttore dell’ufficio decentramento, ma mi è stato risposto che attualmente si sarebbe continuato in questa direzione, fino a cessata emergenza”. “Inoltre – continua Ragusa lanciando un monito ai suoi colleghi – a mio avviso si rischia di scadere nello sterile presenzialismo. Non vorrei che qualcuno si stesse approfittando della situazione per dedicarsi ad altre mansioni, svolgendo il ruolo da consigliere in pigiama o addirittura in spiaggia”. Il consigliere Giuseppe Ragusa chiede che le videoconferenze siano uno strumento da utilizzare per le sole emergenze e non diventino un privilegio a lungo termine.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, casi positivi al Cutelli e alla Livio Tempesta: studenti e personale in quarantena

  • Sgominate bande che rubavano sui tir e nelle case: 13 arresti

  • Droga e mafia, altri 4 arresti nell’ambito dell’operazione "Overtrade"

  • Coronavirus, un positivo sul volo Milano-Catania: appello dell'Asp ai passeggeri

  • Operazione antidroga, sequestrati 1.300 chili di marijuana: 6 arresti

  • Ricette false per ottenere i rimborsi, due medici sospesi ed otto farmacisti indagati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento