M5S, Drago e Foti chiedono chiarezza al comune di Catania sui rifiuti

Critiche all’amministrazione comunale all'indomani della gara deserta per il bando settennale in città

Sulla situazione della raccolta dei rifiuti a Catania è intervenuta la senatrice del Movimento Tiziana Drago chiedendo chiarezza sulle modalità di gara e sulla gestione che l'amministrazione comunale intenderà mettere in atto. Il gruppo consiliare pentastellato al Comune, chiede invece le dimissioni dell'assessore al ramo Fabio Cantarella.

“La gara settennale andata deserta – spiega Drago – è un fatto grave per i cittadini che aspettavano, finalmente, un cambiamento a fronte di un servizio assolutamente deficitario e che ha ridotto la città barocca a un immondezzaio. Cittadini che continuano a pagare la Tari più alta d'Italia ma che ricevono un servizio pessimo e con percentuali di differenziata irrisorie. Occorre capire in maniera approfondita perché nessuna azienda ha inteso presentare un'offerta, perché l'azienda che gestisce in proroga il servizio non ha partecipato e come verranno gestiti i mesi a seguire. Si auspica, quindi, la massima trasparenza e procedure con evidenza pubblica. I consiglieri comunali del Movimento Cinque Stelle erano stati facili profeti: avevano già individuato i punti carenti del bando e avevano messo in guardia l'amministrazione che, però, è andata avanti con i paraocchi”.

“In consiglio – spiega il portavoce pentastellato al Comune Graziano Bonaccorsi – più volte avevamo evidenziato il rischio che la gara potesse andare deserta. Questo alla luce del fatto che gli utili d'impresa erano molto bassi, circa l'1,5 per cento, e quindi non si trattava di una gara appetibile. Si tratta di una sconfitta netta dell'amministrazione che non potrà prorogare l'incarico alla Dusty. Il tutto danneggiando i cittadini che continueranno ad avere un servizio pessimo e una tassa altissima che, quindi, non accennerà a diminuire”.

Critiche all’amministrazione comunale anche dalla vice Presidente dell'Assemblea Regionale Siciliana, Angela Foti. “Il mix di presunzione e incompetenza, volendo escludere il dolo, hanno determinato una situazione gravissima sotto tutti i profili che non trova giustificazione. Gli interventi sostitutivi da noi proposti, ma mai presi in considerazione dal governo regionale che non può ulteriormente rendersi complice, andrebbero seriamente valutati, dato che il pessimo andamento della raccolta differenziata a Catania è uno dei fattori che determina l'insuccesso in tutta la Regione”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scoperto arsenale, era nascosto in serbatoi sotterrati vicino al lido Le Capannine

  • Esplosione a Librino, ladri piazzano bomba davanti a un tabacchi: un morto

  • Assalto in banca con escavatore a Trecastagni: si cercano i ladri in fuga

  • Ragazze picchiano le compagne di scuola e diffondono il video sui social

  • "Cattivo Tenente", i nomi degli arrestati

  • Beccati a lavorare e confezionare 180 chilogrammi di marijuana, arrestati

Torna su
CataniaToday è in caricamento