Sabato, 16 Ottobre 2021
Politica

Raffaele Stancanelli a Mario Monti: No a ICI sulla prima casa

Rispetto all'ipotesi della reintroduzione della tassazione sulle prime case, Stancanelli sostiene che "Reintrodurre l'Ici sarebbe un passo indietro e vorrebbe dire penalizzare nuovamente chi la propria casa la vive ogni giorno"

Un governo che ''capisca l'importanza dei Comuni come luogo più avanzato dello Stato e del servizio pubblico, il luogo che da' i servizi essenziali ai cittadini e che quindi va preservato nel caso di manovre 'lacrime e sangue''. E' questo l'auspicio del sindaco di Catania, Raffaele Stancanelli, rispetto alla possibilità che il senatore Mario Monti riesca ad ottenere la fiducia dalle Camere per la formazione di un nuovo governo.

Stancanelli ribadisce che ''e' necessaria una profonda consapevolezza del fatto che ogni soldo tolto ai Comuni vale di più, in termini di effetti negativi e depressivi, rispetto ai tagli nei confronti di altre realtà''.

Il governo auspicato dal primo cittadino di Catania e' ''un esecutivo che si limiti a portare a buon fine le risposte che dobbiamo all'Europa, senza avventurarsi in programmazioni ulteriori che tradirebbero lo scopo per cui questo governo e' nato''. In questo senso, dunque, ''il Sud va certamente attenzionato, ma i provvedimenti piu' importanti necessitano di essere approvati da maggioranze parlamentari omogenee, senza fughe in avanti''.

Rispetto all'ipotesi della reintroduzione di una qualche forma di tassazione sulle prime case, Stancanelli sostiene che ''l'Ici sulla prima casa e' stata abolita dal governo Berlusconi, ma i Comuni non ne hanno sofferto, perche' lo Stato ha comunque provveduto a integrare i mancati introiti con i trasferimenti. Reintrodurre l'Ici sarebbe un passo indietro e vorrebbe dire penalizzare nuovamente chi la propria casa la vive ogni giorno''.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Raffaele Stancanelli a Mario Monti: No a ICI sulla prima casa

CataniaToday è in caricamento