rotate-mobile
Domenica, 16 Gennaio 2022
Politica

Reati elettorali, bufera nella Lega siciliana: "Angelo Attaguile istigatore"

E' quello che risulta dalla ordinanza che ha imposto l'arresto di Salvino Caputo. La bomba dell'inchiesta sul voto di scambio che vede coinvolta la lista Noi con Salvini, arriva anche a Catania, e travolge il candidato sindaco Angelo Attaguile

La bomba dell'inchiesta sul voto di scambio che vede coinvolta la lista Noi con Salvini, arriva anche a Catania, e travolge il candidato sindaco Angelo Attaguile, espressione del partito leghista in ambito locale. Il suo nome, in quanto segretario regionale, compare nell'ordinanza che ha imposto l'arresto di Salvino Caputo, perché ritenuto 'istigatore' insieme al neodeputato Alessandro Pagano in concorso morale e materiale con i fratelli Salvino e Mario Caputo, e due procacciatori di voti Benito Vercio e Stefano Vinci. 

Tramite il suo legale, l'avvocato Nino Caleca, Pagano fa sapere che "darà il consenso all'utilizzo delle intercettazioni" e che da coordinatore della Sicilia occidentale della Lega "ha sempre operato in difesa dei principi di legalità e correttezza".

Angelo Attaguile intervistato da CataniaToday, si dice "molto sereno" e nega un suo coinvolgimento nella campagna elettorale della Sicilia occidentale. "Io non so nulla, ancora non ho ricevuto nulla ma posso dire che non ho promesso nulla, né mi sono interessato per qualche candidato in quell'area della Sicilia - ha dichiarato Attaguile - Del resto questi meccanismi non fanno parte della mia mentalità". "L'inchiesta riguarda la Sicilia occidentale, ed onestamente non so dire nulla a riguardo. Può darsi che mi abbiano iscritto d'ufficio - spiega ancora - ma io mi sento molto tranquillo perché non ho fatto nulla".

"Certo mi da molto fastidio che il mio nome venga buttato nel mucchio - aggiunge - Io non ho mai fatto voto di scambio, né mi interessavo per 'portare' i candidati. Se avessi voluto fare da sponsor a qualche candidato lo avrei fatto nella mia zona, nel catanese, ma così non è stato". "Sono molto sereno - conclude - appena leggerò le carte chiarirò subito il fatto e ritengo che anche il mio collega Pagano farà lo stesso perché è una persona per bene". 

Sulle voci di un possibile commissariamento del movimento voluto dal leader Matteo Salvini, Attaguile chiarisce: "Questo lo deciderà Matteo Salvini, lo incontrerò domani a Roma. Ci saremmo dovuti vedere in ogni caso per parlare delle amministrative". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Reati elettorali, bufera nella Lega siciliana: "Angelo Attaguile istigatore"

CataniaToday è in caricamento