Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Politica Borgo / Via Aosta

Referendum, ieri affluenza alle ore 22 del 36,15 per cento

Ha superato il 41% l'affluenza alle urne per il voto del Referendum, secondo i dati riportati sul sito del Viminale. A Catania, la percentuale di votanti, aggiornata alle ore 22:45:07 del 12/06/2011 è stata del 36,15 per cento

Ieri, ha superato il 41% l'affluenza alle urne per il voto del Referendum, secondo i dati riportati sul sito del Viminale. Ieri sera alle 22 per il quesito numero uno (Servizi pubblici locali) ha votato il 41,14%, stessa percentuale è stata raggiunta per il secondo quesito (Tariffa servizio idrico). L'affluenza di votanti al terzo quesito Energia elettrica nucleare è stata del 41,11% mentre per il quarto quesito Legittimo impedimento ha votato il 41,10% degli aventi diritto. A Catania, la percentuale di votanti, aggiornata alle ore 22:45:07 del 12/06/2011 è del 36,15 %.

Il primo referendum sull’acqua si intitola: "Modalità di affidamento e gestione dei servizi pubblici locali di rilevanza economica". Il quesito, molto complesso nella formulazione, mira ad abrogare l’art. 23 bis (dodici commi) del decreto legge 25 giugno 2008 n.112 "Disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione tributaria".

L’altro referendum sull’acqua s’intitola: "Determinazione della tariffa del servizio idrico integrato in base all’adeguata remunerazione del capitale investito". Questo il quesito: "Volete voi che sia abrogato il comma 1, dell’art. 154 (Tariffa del servizio idrico integrato) del Decreto Legislativo n. 152 del 3 aprile 2006 "Norme in materia ambientale", limitatamente alla seguente parte: "dell’adeguatezza della remunerazione del capitale investito"?".

Il titolo del referendum sul nucleare, riformulato dalla Corte di Cassazione alla luce delle norme introdotte con il decreto Omnibus, è: "Abrogazione delle nuove norme che consentono la produzione nel territorio nazionale di energia elettrica nucleare". Il testo del quesito dice: "Volete che siano abrogati i commi 1 e 8 dell’articolo 5 del dl 31/03/2011 n.34 convertito con modificazioni dalla legge 26/05/2011 n.75?".

Infine, l'ultimo referendum si intitola: "Abrogazione di norme della legge 7 aprile 2010, n. 51, in materia di legittimo impedimento del Presidente del Consiglio dei Ministri e dei Ministri a comparire in udienza penale, quale risultante a seguito della sentenza n. 23 del 2011 della Corte Costituzionale". Il quesito dice: "Volete voi che siano abrogati l’articolo 1, commi 1, 2, 3, 5 e 6, nonché l’articolo 2, della legge 7 aprile 2010, n. 51, recante "Disposizioni in materia di impedimento a comparire in udienza"?".


Sono state riaperte alle ore 7 di questa mattina le sezioni elettorali per i quattro referendum su servizi pubblici locali, tariffe dell'acqua, energia nucleare e legittimo impedimento. I seggi chiuderanno definitivamente alle ore 15 di oggi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Referendum, ieri affluenza alle ore 22 del 36,15 per cento

CataniaToday è in caricamento