Province addio, la Giunta dice sì: arriva il “reddito di solidarietà”

Approvato il disegno di legge sull'abolizione delle Province. L'obiettivo di Crocetta sono i "liberi consorzi di Comuni". Adesso la parola spetta all'Aula: favorevoli i grillini, contrario il Pdl. Il sì alla riforma entro marzo

Ieri la giunta regionale ha approvato il disegno di legge sull'abolizione delle Province, e il riconoscimento del cosiddetto "reddito di solidarietà" da mille euro, due punti da tempo nell'agenda del Movimento 5 stelle. Per smantellare l'attuale sistema delle nove province regionali, Crocetta ha deciso di ricorrere a quello formato dai "liberi consorzi di Comuni", così come del resto viene espresso all'interno statuto speciale della Regione.

Stamattina all'Ars è prevista la riunione della Commissione Affari istituzionali. E mentre l'Aula attende di conoscere a fondo i contenuti del testo di riforma, tra favorevoli, come sono appunto i deputati grillini, e contrari, come gli esponenti del Pdl, adesso si cercherà di capire quali potranno essere i tempi per l'iter d'approvazione. Il sì alla riforma, infatti, deve essere dato necessariamente entro la fine di marzo, prima cioè dell'avvio della campagna elettorale in vista delle elezioni per il rinnovo delle amministrazioni provinciali, altrimenti occorrerà lavorare ad un testo per il rinvio delle elezioni, e la contestuale nomina di commissari straordinari.

Un cammino ancora tutt'altro che definito, dunque, ma che una volta concluso porterebbe una boccata d'ossigeno alle casse regionali, con il presidente Crocetta che ha inserito nel ddl il dirottamento di una parte di questi risparmi al finanziamento del reddito minimo di solidarietà da mille euro, anche questo argomento caro ai grillini.

A questo punto, però, è lecito domandarsi quale sarà il destino degli impiegati provinciali una volta effettuata questa riorganizzazione. Il Governatore ha rassicurato che i dipendenti rientreranno negli organici dei liberi consorzi di Comuni, e dalla Regione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Coronavirus, morto l'avvocato Ferlito: per lui era stato lanciato un appello ai donatori di plasma

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento