Musumeci plaude per i fondi stanziati: "Allarme per bomba sociale"

"Dobbiamo consentire alle persone di potere mettere qualcosa a tavola. Soffrono tutti i lavoratori - ha detto Musumeci - ma soprattutto chi non ha niente e vive delle attività del quotidiano"

"Due settimane di inattività hanno messo in sofferenza una società fatta di lavoratori precari e di gente che la mattina deve portare a casa 30-50 euro. Dobbiamo consentire alle persone di potere mettere qualcosa a tavola. Soffrono tutti i lavoratori dipendenti, le imprese, ma soprattutto chi non ha niente e vive delle attività del quotidiano: abbiamo il dovere di disinnescare questa bomba, per fortuna in Sicilia non c'è sta alcuna azione di violenza, a parte due-tre episodi". Così il governatore della Sicilia, Nello Musumeci. "Noi abbiamo stanziato ben 100 milioni destinati esclusivamente all'assistenza alimentare - ha aggiunto - Sono contento che su questo esempio il governo nazionale ha adottato altri provvedimenti".

Per cercare di dare una prima risposta alle esigenze della popolazione, la Regione Siciliana ha stanziato cento milioni di euro dalla Regione Siciliana per consentire alle famiglie disagiate di accedere all'assistenza alimentare. Le risorse verranno assegnate, in più tranche, a tutti i Comuni, che nella distribuzione dovranno prestare particolare riguardo “alle nuove povertà determinate dalle famiglie che non percepiscono più alcun reddito, compreso quello di cittadinanza, e alcuna altra assistenza economica o sanitaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

Torna su
CataniaToday è in caricamento