menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rientro fuorisede, proposti bus Ast gratis e tamponi per chi arriva

La deputata del M5S Jose Marano ha sollecitato il governo regionale e ha proposto alcune soluzioni per far rientrare i conterranei che si trovano nelle altre regioni italiene

La deputata regionale del Movimento Cinque Stelle Jose Marano è intervenuta sulla vicenda relativa al rientro dei siciliani fuorisede nell'isola e ha chiesto al governo regionale di predisporre tutte le misure di sicurezza necessarie per fare in modo da garantire le indicazioni imposte dal governo e consentire ai siciliani  il rientro gratis tramite bus a capienza ridotta.

“A Natale, a seguito del caro voli, Musumeci mise a disposizione i bus Ast per fare tornare i fuorisede. Non comprendiamo perché non abbia già messo a disposizione questi mezzi per il rientro dei nostri conterranei: sarebbe un altro bel gesto per consentire un ritorno senza doversi svenare economicamente. Inoltre, i prezzi dei biglietti per i pochi voli diretti in Sicilia non sono certo a buon mercato. Sarebbe dunque opportuno attivarsi per garantire a chi deve rientrare un prezzo fisso. Tornare in Sicilia per chi è stato costretto dall’emergenza a restare fuori dalla regione non deve essere un salasso”, afferma Marano.

“Prima Musumeci aveva alzato un muro contro i nostri conterranei, poi resosi conto del grave errore è tornato su suoi passi. Non vorremmo che questa incertezza rischi di generare un rientro caotico che possa mettere a rischio i nostri conterranei durante i loro viaggi e i residenti in Sicilia. Poter rientrare nella propria terra è un diritto: ci sono tante persone che hanno perso il lavoro, che hanno vissuto in solitudine questo periodo di lockdown, tanti docenti e studenti lontani dai loro affetti e con famiglie separate. Al diritto di rientrare – prosegue Marano – occorre associare il diritto a farlo in sicurezza e a prezzi calmierati. Quindi per chi rientra serve la registrazione on line, sul database regionale già esistente, prima della partenza e l'organizzazione di screening sanitari negli aeroporti e nelle stazioni, con l'effettuazione dei tamponi”, conclude la deputata pentastellata.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Attualità

McDonald’s, l’iniziativa "Sempre aperti a donare" arriva a Catania

Utenze

Rettifica della bolletta luce e gas: come richiederla

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Nuovo furto alla "Campanella Sturzo" di Librino: è il quarto in due mesi

  • Cronaca

    Trasporta in un suv 7 chili di marijuana "skunk": arrestato

  • Cronaca

    Smantellate piazze di spaccio tra Ragusa, Catania ed Agrigento

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento