Rimborsopoli M5S, Giarrusso pubblica copia dei suoi bonifici e annuncia querele

Il senatore annuncia querele agli "imbecilli che hanno vomitato" su di lui, dopo la denuncia del blogger Marco Canestrari sulle presunte incongruenze di un suo bonifico di restituzione

Il senatore catanese Mario Giarrusso, colpito dalle accuse del blogger Marco Canestrari - autore del libro Supernova, che ieri ha postato sul social network la copia di un bonifico effettuato da Giarrusso nel gennaio 2015 sul quale era però apposto il timbro 'eseguito in data 20 gennaio 2014' - ha pubblicato ieri una copia dei suoi bonifici e, con un linguaggio più che colorito, annuncia querele agli "imbecilli che hanno vomitato" su di lui. 

"Dopo la fiera dell'insulto (non libero né gratuito) non può che venire il querela day. Ho appena ritirato in banca l'elenco dei bonifici fatti al fondo per il credito alla piccola e media impresa e adesso sto collazionando tutta la fiera di sciocchezze che gente imprudente e poco accorta ha vomitato su di me. Il mio avvocato è contento. Avrà un bel po' di lavoro. Gli ho detto che quando avrà finito di scriverle tutte le querele, le depositeremo in diretta streaming in modo che tutti possano vedere le conseguenze dei propri atti".

"Quello che posto in allegato alla presente - rimarca Giarrusso - è la foto della certificazione del bonifico del gennaio 2015, che tanto ha fatto discutere gli sciocchi, gli imbecilli ed i servi del potere. Spero solo che in molti abbiano beni immobili. Se mi sono perso qualche imbecille che mi ha diffamato, vi prego di segnalarmelo dettagliatamente nei commenti. Gli daremo il fatto suo. Come agli altri".

Dopo pochi minuti arriva la risposta di Canestrari. "Michele Giarrusso ha prodotto una copia con la data corretta del bonifico di gennaio 2015 - scrive il blogger su Twitter - Avevo quindi ragione: la data sull'altra distinta era sbagliata e anomala. Giarrusso minaccia dunque querele, segno che aveva ragione Grillo: si querela sempre la verità, mai la menzogna".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento