Rischio incendi a San Nullo, Ragusa (M5S): "Dalla pulizia di un terreno può nascere un parco"

In via Alan Turing è presente una vasta area incolta che potrebbe essere “salvata” dai roghi estivi utilizzando i percettori del reddito di cittadinanza e creando con pochi sforzi persino un parco pubblico

Con l’aumento delle temperature, torna ad essere attuale il problema dei roghi estivi, alimentati dalle erbaccce non rimosse e dall’incuria che spesso regna nei terreni  incolti di periferia. Nel quartiere catanese di San Nullo, in via Alan Turing, lo scerbamento di un vasto appezzamento posto a ridosso di alcune villette potrebbe trasformarsi in una grande opportunità con costi limitati per Palazzo degli Elefanti.

“Basterebbero pochi e mirati interventi – spiega il consigliere del IV Municipio Giuseppe Ragusa, del Movimento 5 Stelle – per ripulire questo terreno e realizzare un nuovo parco urbano. La destinazione d’uso è stata già individuata da tempo, ma nulla è stato fatto per valorizzare quest’area che lo scorso anno è stata però ripulita. Sarebbe opportuno che l’amministrazione comunale provvedesse a fare altrettanto anche adesso. Con un minimo sforzo progettuale, magari utilizzando i percettori del reddito di cittadinanza della zona,  si potrebbe inoltre realizzare un’area di sgambamento per cani o un campo per i ragazzi”. In questo modo il Comune riuscirebbe quasi ad azzerare i costi e gli stessi cittadini sarebbero invogliati a tener pulito il parco in futuro, limitando la possibilità di incendi.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento