Salta il governo giallo-verde, Grasso (m5s): "La Lega ora molli Pogliese"

Il candidato sindaco del Movimento Cinque Stelle commenta il dato nazionale, chiedendo alla Lega catanese di abbandonare l'alleato Salvo Pogliese per dare un segnale. "E' sotto processo", spiega Grasso

Le conseguenze del mancato avvio del governo giallo-verde non tardano a farsi sentire anche nel Movimento Cinque Stelle catanese. Intervistato da CataniaToday il candidato sindaco Giovanni Grasso ha chiesto pubblicamente all'alleato "sfumato" a livello nazionale, la Lega, di spaccare la coalizione con Pogliese e di "dare un segnale di discontinuità", a favore del "progetto di cambiamento" voluto anche dal Movimento.

"Quello a cui andiamo incontro il prossimo 10 giugno - spiega Grasso - sarà praticamente un referendum. Il livello locale è chiaramente un microcosmo di quello nazionale e l'effetto della scelta del presidente della Repubblica, che per ragioni di discordanza d'opinioni non firma una nomina, si faranno sentire anche a Catania. Proprio in questo momento gli italiani riusciranno a vedere se quello che Salvini ha detto e fatto fino ad oggi è caratterizzato da buonafede o, al contrario, da logiche diverse".

"Il cambiamento deve partire dalla Sicilia - continua il candidato pentastellato - Per questo momento abbiamo deciso di lanciare un appello ai cittadini, anche a quelli che hanno votato per la Lega: siamo l'unica forza in grado di poter attuare un cambiamento, permetteteci di farlo". "I cittadini dovrebbero riconoscere ai Cinque Stelle la coerenza ma, soprattutto, la capacità di attuare una vera svolta nella politica catanese. La lega - continua Grasso - ha preso in Sicilia il 5%, non è un partito rappresentativo".

"Tra l'altro - aggiunge Grasso parlando i Salvo Pogliese -  la Lega ha deciso di far parte di un centro-destra guidato da un candidato che attualmente è sotto processo per peculato". "Se avesse voluto davvero il cambiamento si sarebbe staccata ed avrebbe corso da sola", attacca ancora il professore. "Loro devono staccarsi dal centro-destra - spiega meglio - La Lega ha fatto un errore, ritirando la candidatura a sindaco di Angelo Attaguile". Un invito, quello di Grasso, che difficilmente potrebbe essere ascoltato dagli ormai ex alleati romani, visto che da sempre, a livello locale, il partito di Pontida ha supportato l'unità della coalizione di destra.

In caso di ballottaggio, infine, Grasso ha spiegato di non voler ricevere aiuto da nessuno. "La volontà di un supporto in caso di ballottaggio da parte della Lega come di altri partiti dovrebbe essere stata manifestata prima, ma noi non facciamo alleanze e non ci piace chi gioca con due mazzi di carte. Se vogliono mostrare la loro buona fede, visto che si andrà ad elezioni anticipate, dovrebbero fare un passo indietro". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento