menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

San Berillo, avviata l’installazione di 213 telecamere per la sicurezza urbana

"Non esito a definire questa realizzazione della videosorveglianza una svolta per la città di Catania in termini di sicurezza e vivibilità", ha detto il sindaco Salvo Pogliese

Martedì 23 febbraio alle ore 10,30 il sindaco Salvo Pogliese e i rappresentati istituzionali della Prefettura e della Questura di Catania, in via Giovanni Di Prima n. 48, nel vecchio quartiere di San Berillo, presenzieranno all’installazione e all’attivazione della prima videocamera di sorveglianza del territorio urbano. L’apertura del cantiere avvia di fatto il funzionamento di un network di 213 telecamere, che verranno posizionate in tutta la città come elemento di prevenzione e repressione dei fenomeni di criminalità diffusa.

L’amministrazione comunale nelle scorse settimane, infatti, con procedura a evidenza pubblica, ha appaltato a una ditta specializzata nei sistemi di video sorveglianza la messa in opera di una vasta rete di telecontrollo del territorio che verrà gestita dalla sala operativa dei sistemi di controllo interforze, si è aggiudicato un finanziamento statale per la sicurezza delle Città Metropolitane sulla base di un progetto che il Comune presentò poco meno di due anni addietro.

“Non esito a definire questa realizzazione della videosorveglianza una svolta per la città di Catania in termini di sicurezza e vivibilità -ha detto il sindaco Salvo Pogliese-. Il Comune nonostante la condizione di dissesto finanziario ha compartecipato al finanziamento dello Stato, ma così finalmente potremo controllare il territorio per limitare i fenomeni legati alla microcriminalità diffusa e dunque migliorare la percezione di sicurezza dei cittadini in tutta la città. Non sfugge il valore anche simbolico di cominciare l’istallazione proprio dal vecchio quartiere di San Berillo -ha proseguito il primo cittadino - una delle zone che i cittadini legittimamente considerano più a rischio, ma su cui il quotidiano lavoro delle forze e delle istituzioni è riuscito a dare segnali concreti per contenere i fenomeni delinquenziali”.

Il progetto dell’amministrazione comunale finalizzato ad aumentare la percezione del grado di sicurezza dei cittadini verrà garantito sia nelle zone afferenti e circostanti il centro storico, sia nei siti a vocazione turistica e aggregazione sociale, ma anche nei parchi e nei centri sportivi, nelle aree mercatali ad alta densità di commercio abusivo e nelle zone periferiche considerate più vulnerabili. I punti di installazione delle centraline di rete wireless, sono complessivamente 32, ognuna delle quali fornita da più telecamere: nel caso della zona del vecchio San Berillo, piazza della Repubblica e piazza Grenoble complessivamente saranno 19 le telecamere che monitoreranno h 24 l’intera area.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Probiotici: cosa sono e perchè fanno bene

social

Covid-19 e meteo: come le temperature agiscono sul virus

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento