Scordia, il M5S: "Dal sindaco inaccettabili insulti a una consigliera comunale"

Il gruppo Pari opportunità in Parlamento esprime solidarietà a Maria Contarino che è stata attaccata dal sindaco Francesco Barchitta per aver chiesto rispetto della privacy su un caso di coronavirus

Il gruppo Pari opportunità del M5S in Parlamento esprime solidarietà alla consigliera comunale di Scordia Maria Contarino, insolentita dal primo cittadino della cittadina etnea Francesco Barchitta durante una diretta Facebook per aver chiesto il rispetto delle norme sulla privacy. Il sindaco, alcuni giorni prima, durante intervista ad una testata giornalistica locale, aveva inopinatamente rivelato la professione e alcuni particolari sulla famiglia del primo contagiato di coronavirus della cittadina del catanese. Gli insulti alla consigliera comunale, già segnalati e stigmatizzati dai deputati alla Camera e all’Assemblea Regionale Siciliana Gianluca Rizzo, Eugenio Saitta e Francesco Cappello hanno suscitato la condanna anche delle parlamentari del MoVimento. “In un momento così delicato il sindaco di Scordia ha dimostrato scarsissimo rispetto per le più elementari regole istituzionali, insultando una componente del consiglio comunale rea, a suo avviso, di aver chiesto il rispetto delle norme di riservatezza”, affermano le parlamentari. “Il sindaco del comune del catanese ha usato parole pesanti accusando la consigliera comunale di incompetenza e invitandola a lasciare paese. Si tratta di un episodio grave per il quale il primo cittadino di Scordia farebbe bene a scusarsi. Adesso più che mai c'è bisogno di dimostrare senso di comunità e non di insultare pesantemente chi cerca di svolgere il compito per cui ha ricevuto la fiducia dei cittadini. Nei paesi del comprensorio calatino è alta la preoccupazione per i numerosi casi di contagio e proprio per questo motivo servirebbe coesione e correttezza e non insulti e offese”, concludono le parlamentari pentastellate del gruppo Pari opportunità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento