rotate-mobile
Politica

Sicilia Vera riunisce in candidati in vista delle elezioni comunali ed europee

Cateno De Luca ha chiamato radunato in un hotel oltre quattrocento candidati che si sono spesi nelle liste per le regionali del 25 settembre

Cateno De Luca si prepara a strutturare il movimento Sicilia Vera. A Enna ha riunito in un hotel oltre quattrocento candidati che si sono spesi nelle liste per le regionali del 25 settembre. Si partirà subito con i gruppi di liberazione: saranno costituiti in ogni provincia con lo scopo di presidiare ogni singolo comune della Sicilia con quelle che lui chiama "sentinelle". Il leader di Sv sta definendo il calendario delle conferenze programmatiche che organizzerà a livello provinciale (tra sabato e lunedì di ogni settimana), coinvolgendo gli iscritti al movimento e chi intende investire nella sua missione: conquistare Palazzo d'Orleans tra cinque anni. Due gli obiettivi a medio termine: le amministrative del prossimo anno con 140 Comuni al voto nell'Isola e le europee del 2024. Due appuntamenti elettorali sui quali De Luca punta per consolidare Sicilia Vera e la sua ambizione di "liberare" l'Isola e proseguire nel progetto nazionale di "Sud chiama Nord" col quale ha ottenuto due parlamentari. Un banco di prova che servirà a lanciare la fase due: quella congressuale. "In questi due anni formeremo la nuova classe dirigente fatte di tante donne e tanti uomini che stanno seguendo il nostro progetto - ha detto De Luca - Abbiamo ottenuto alle regionali e alle nazionali un gran risultato, ma ora bisogna proseguire con passione. Chi pensa che candidandosi alle regionali abbia diritto ad avere qualcosa si sbaglia di grosso e può tranquillamente andare via. Ci vuole coraggio e dedizione se si vuole raggiungere l'obiettivo: la liberazione della Sicilia". Per De Luca il prossimo biennio sarà fondamentale per potere passare alla fase due: il passaggio dal movimento al partito di Sicilia Vera. "Tra due anni faremo i congressi provinciali e regionale", ha chiarito alla platea che lo ha ascoltato. E a chi "pensa di essersi messo le stellette di coordinatore non so di cosa solo perché si è candidato nelle nostre liste dico subito: tornatevene a casa". Nel corso della kermesse, De Luca ha analizzato il voto del 25 settembre e lo ha fatto senza dirette Fb: "Perché io sono sempre sincero e diretto, questa è l'occasione per dirci le cose in faccia, in famiglia". Al fianco di De Luca c'erano gli otto deputati eletti all'Ars, l'ex parlamentare Carmelo Lo Monte e Danilo Lo Giudice, deputato regionale uscente. L'iniziativa è servita anche a proseguire il tesseramento nel movimento Sv e a spiegare i dettagli dell'operazione 'governo parallelo", con gli iscritti chiamati a farsi avanti per farne parte. Con la squadra di assessori ombra, De Luca punta a incalzare il governo Schifani su provvedimenti amministrativi e legislativi aiutino la Sicilia a uscire dalla profonda crisi in cui si trova.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sicilia Vera riunisce in candidati in vista delle elezioni comunali ed europee

CataniaToday è in caricamento