Sidra replica al M5S: "Avviata un'azione per il contrasto delle morosità"

La partecipata del Comune chiarisce la strategia messa in atto e la scelta dei legali per recuperare i crediti rispondendo alla nota pentastellata

Il Movimento Cinque Stelle aveva criticato le scelte della Sidra in merito alle consulenze affidate ad alcuni legali e la partecipata, con una nota stampa, ha replicato spiegando che con il nuovo cda si è deciso di "affrontare con determinazione ed efficacia l'annoso problema, per troppo tempo trascurato, degli utenti morosi che costituisce un grave danno, non solo all’azienda, ma anche agli altri utenti su cui si scarica la morosità accumulata".

"In ragione di ciò - prosegue la nota -  Sidra ha affidando l’attività di recupero dei crediti agli oltre 470 avvocati che hanno aderito alla pubblica proposta di collaborazione lanciata dall'azienda. Sono già oltre 120 i legali, individuati tramite sorteggio tra chi ha aderito alla pubblica proposta di Sidra, ai quali sono state affidate cause riguardanti il recupero dei crediti".

"Per ottimizzare - chiarisce la partecipata - e rendere il più efficace possibile il lavoro di questi legali, l'azienda, seguendo un principio organizzativo fondamentale quanto basilare, ha individuato alcune figure di alto profilo professionale, con curricola, esperienza e capacità adeguate per lo specifico compito a loro richiesto, cui affidare il coordinamento, il controllo e la verifica dell'attività degli avvocati esterni. Tali figure svolgono un ruolo fondamentale che non può essere effettuato dal personale interno dell'azienda che, già oberato da numerosi compiti e responsabilità, non potrebbe efficacemente coordinare l'attività di un numero così elevato, ma necessario per tutelare gli interessi di Sidra, di legali".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento