Regione, ex addetto stampa bloccato all'ingresso: chiamati i carabinieri

Piero Messina - al quale sarebbe stato impedito di entrare in presidenza - dopo il licenziamento, aveva ricevuto un provvedimento di nomina e nei giorni scorsi sarebbe andato regolarmente in ufficio

Prima licenziato, poi reintegrato. E ora bloccato. L'ex-coordinatore dell'ufficio stampa della Regione, Piero Messina, licenziato con altri venti colleghi ma reintegrato con un decreto notificatogli l'11 gennaio scorso, ha chiamato i carabinieri quando nella portineria di palazzo d'Orleans gli addetti gli hanno impedito l'accesso.

Messina è l'unico giornalista dell'ufficio stampa che ha ricevuto nella stessa lettera di licenziamento anche la notizia del reintegro. Per due giorni Messina si è recato a lavoro, ma ieri è stato bloccato e, pertanto, ha chiamato i carabinieri ai quali - giunti sul posto -è stato detto che il giornalista è stato licenziato qualche tempo fa.

I carabinieri riferiscono di avere parlato con il capo di gabinetto del presidente della Regione il quale avrebbe spiegato che il giornalista è stato licenziato tempo fa, e “avrebbe dunque svolto la sua attività a titolo volontario”, e che “non ha quindi titolo per entrare a Palazzo d’Orleans”.

Il segretario regionale dell’Assostampa siciliana, Alberto Cicero, in una nota dice: “Avere impedito l’accesso a palazzo d’Orleans, senza alcuna preventiva comunicazione (come almeno la buona educazone imporrebbe), all’ex capo dell’Ufficio stampa della Presidenza, Piero Messina, dapprima licenziato ma contemporaneamente reintegrato nella stessa data e con la medesima comunicazione, travalica ampiamente i limiti del buon senso e del rispetto di chi, per anni, ha lavorato onestamente e in modo professionalmente ineccepibile alle dipendenze della Regione, come hanno fatto tutti i giornalisti licenziati per volontà personale ed esclusiva di Crocetta”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Licenziamenti e assunzioni – conclude – sono decisioni che, toccando la vita dei lavoratori e delle loro famiglie, vanno prese con grande rispetto e senso di responsabilità. Ancora una volta Crocetta, nel suo ruolo di presidente, ha dimostrato di non avere avuto nè l’uno nè l’altra”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto 2020 - Come presentare la richiesta di esenzione e rimborso

  • Coronavirus e Dpcm, Musumeci: "Ci permettano di aprire fino alle 23 ristoranti, bar, pizzerie"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento