Salute

Il direttore dell’Asp in visita a Castel di Judica e a Mineo

"Puntiamo, in sinergia con le Istituzioni locali - ha detto Lanza - a potenziare i nostri servizi per rispondere sempre meglio alle attese di salute dei cittadini"

"La sinergia con le Istituzioni locali, l’attenzione verso i territori e la centralità dei bisogni di salute dei cittadini, sono i pilastri del metodo di lavoro che abbiamo sempre seguito e sul quale continuiamo a puntare per migliorare la rete assistenziale del nostro territorio". Lo ha detto il dr. Maurizio Lanza, direttore generale dell’Asp di Catania, in visita questa mattina a Castel di Judica e a Mineo per incontrare i sindaci delle due comunità e verificare con loro alcune opportunità di potenziamento dei servizi sanitari.

Dapprima il manager Lanza si è recato a Castel di Judica per effettuare, con il sindaco Ruggero Strano, un sopralluogo nei locali comunali della Frazione Carrubbo, in Piazza Salvatore D’Acquisto, che il Comune intende mettere a disposizione dell’Asp di Catania per ospitare la Guardia medica e realizzare nuovi poliambulatori. Il dott. Lanza, ringraziando il sindaco Strano per la grande disponibilità e l’attenzione alle esigenze di cura della sua comunità, ha dato mandato all’Ufficio Tecnico di provvedere ai controlli preliminari e alla definizione della progettazione esecutiva dei nuovi poliambulatori. "Sono molto contento per il risultato raggiunto - ha detto il sindaco Strano -. Con il dott. Lanza abbiamo condiviso il comune impegno a incrementare i servizi per la comunità. Stiamo offrendo un locale dalle enormi potenzialità, che sarà dedicato alla medina di base e ai nascenti ambulatori di diabetologia e di geriatria. Il 17 maggio stipuleremo la convenzione per la cessione dei locali in comodato d’uso e la programmazione dei servizi". Presenti all’incontro l’ing. Francesco Alparone, direttore dell’UOC Tecnico dell’Asp di Catania; l’ing. Mariella Guarnera e il dott. Giuseppe Calì, rispettivamente capo dell’Ufficio Tecnico e capo degli Affari Generali del Comune.

Successivamente il dott. Lanza si è recato a Mineo, dove, insieme al sindaco dott. Giuseppe Mistretta, ha visitato, a conclusione degli interventi di ristrutturazione, i nuovi locali della Guardia medica, degli ambulatori di vaccinazione e degli ambulatori di igiene pubblica collocati al piano terra dell’ex Ospedale di Mineo. "Grazie alle risorse assegnate dall’Assessorato regionale alla Salute - ha detto il dott. Lanza -, abbiamo recuperato alla piena funzionalità una struttura importante per la comunità menenina che sono sicuro sarà pienamente valorizzata. Sono in programma, con fondi di bilancio, ulteriori lavori per ristrutturare la sede del PTE, rendendo più agevole l’accesso ai servizi da parte della cittadinanza. D’intesa con il sindaco, inoltre, un’altra ala della struttura sarà utilizzata per il potenziamento degli ambulatori, secondo le esigenze epidemiologiche della popolazione". "Ringrazio vivamente il Governo Musumeci e la Direzione Aziendale dell’Asp di Catania - ha detto il sindaco Mistretta - per l’attenzione alla mia comunità e per aver recuperato una struttura che versava in condizioni precarie. È un primo risultato raggiunto, che valorizza e riconosce piena dignità alla sanità di prossimità e ai territori. Siamo convinti di poter offrire migliori servizi alla comunità e sono grato per l’intenzione di continuare l’azione di recupero dell’ex Ospedale “San Lorenzo” e implementare così nuovi servizi". Presenti al sopralluogo il vicesindaco dr. Maurizio Ceraulo; il presidente del Consiglio comunale, Angelo Catania; e l’ing. Alparone. I lavori, per un importo di 280.000 euro, sono stati finanziati con risorse del Fondo Sanitario Regionale. Il progetto esecutivo è stato curato dall’Ufficio Tecnico dell’Asp di Catania, su indicazione della Direzione sanitaria aziendale, diretta dal dr. Antonino Rapisarda, e d’intesa con il direttore del Distretto sanitario di Caltagirone, dr.ssa Angela Fiumara (progettista, l’arch. Carlo Musumeci; RUP, il geom. Antonino Montemagno; direttore dei lavori, il geom. Mario Favara). La nuova sede, dotata di moderni e funzionali locali, ospita la Guardia medica, nonché gli ambulatori di vaccinazione e gli ambulatori di igiene pubblica (per il rilascio patenti). È stato, inoltre, creato un ingresso carrabile che permette di accedere ai locali in maniera agevole e superando l’abbattimento delle barriere architettoniche.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il direttore dell’Asp in visita a Castel di Judica e a Mineo

CataniaToday è in caricamento