Scuola

Università, nuove misure: esami tornano in presenza

Una circolare stabilisce che gli esami scritti si tengano in presenza, ove sia possibile garantire le condizioni di sicurezza nelle aule (distanziamento, uso dei DPI), con un massimo di 50 studenti per aula e gli esami orali si potranno tenere anche in presenza

Dal Comitato regionale delle Università siciliane, che si è riunito in modalità telematica lunedì pomeriggio, giungono nuove linee guida in merito alle attività didattiche di ciascun ateneo, in considerazione dell’andamento epidemiologico del Covid19 e delle disposizioni delle autorità governative nazionali e regionali. A seguito delle indicazioni del Crus l’Università di Catania ha perciò stabilito, con una circolare a firma del rettore Francesco Priolo e del direttore generale Giovanni La Via, di adottare un piano organizzativo delle attività didattiche e curriculari, immediatamente in vigore, che prevede che tutte le lezioni si svolgeranno prioritariamente in modalità mista (cioè in presenza con distanziamento e prenotazione del posto in aula e simultaneamente a distanza) ove sia possibile garantire il rispetto delle condizioni di sicurezza. La circolare stabilisce inoltre che gli esami scritti si tengano in presenza, ove sia possibile garantire le condizioni di sicurezza nelle aule (distanziamento, uso dei DPI), con un massimo di 50 studenti per aula, gli esami orali si potranno tenere anche in presenza, le lauree si svolgeranno preferibilmente in presenza e saranno ammessi solo 5 ospiti esterni per ciascun candidato.

I laboratori didattici si svolgeranno in presenza, in condizioni di opportuno distanziamento e con uso dei dispositivi di protezione. I laboratori di ricerca, l'attività di ricerca e le tesi sperimentali proseguiranno in presenza, così come le attività dei dottorandi; i tirocini curriculari e post curriculari potranno svolgersi in presenza solo laddove sia garantito il pieno rispetto delle misure di protezione individuale (distanziamento, utilizzo di dispositivi). I tirocini di area medica potranno essere svolti in presenza all'interno delle strutture ospedaliere per tutti gli studenti ai quali è stato somministrato il vaccino anti Covid-19. Per i TFA sostegno sarà consentito lo svolgimento degli esami a distanza, mentre le lezioni si svolgeranno in modalità mista, compatibilmente con la disponibilità delle aule, le attività degli specializzandi invece proseguiranno in presenza.

Le biblioteche resteranno aperte per i servizi di prestito e di restituzione libri, mentre sarà possibile riaprire aule studio e sale lettura, ove sia garantito il rispetto del distanziamento e il tracciamento delle presenze, previa prenotazione del posto. Il ricevimento degli studenti in presenza è consentito qualora sia ritenuto necessario e nel rispetto delle misure di sicurezza, negli altri casi sarà effettuato a distanza. Infine, gli spostamenti relativi ai programmi di mobilità internazionale incoming e outgoing saranno consentiti previa sottoscrizione di una opportuna liberatoria. L'università di Catania rimarrà disponibile, in presenza di richieste pervenute Atenei stranieri, nel rispetto delle direttive dell'agenzia Erasmus, di accogliere anche studenti stranieri.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Università, nuove misure: esami tornano in presenza

CataniaToday è in caricamento