Venerdì, 17 Settembre 2021
social

Covid-19 e meteo: come le temperature agiscono sul virus

Uno studio condotto in USA è stato in grado di individuare in che percentuale l'aumento delle temperature può incidere positivamente sulla diffusione del virus

L'emergenza Covid-19 non tende a scemare, anzi c'è chi ipotizza l'arrivo di una terza ondata. C'è però da dire come uno studio condotto dagli esperti americani del Christian Lee Brown Envirome Institute dell'Università di Louisville, dai medici del John Hopkins e da quelli del Joint Artificial Intelligence Center degli USA (pubblicata su Plos One) ipotizza un calo naturale della diffusione del virus con la primavera e con l'innalzarsi delle temperature.

Come tutti i virus anche il Covid-19 tende a diffondersi quando il clima è freddo e secco, per poi avere una minore incidenza quando le giornate sono calde ed umide. La ricerca americana aggiunge però un altro tassello grazie allo studio dei dati giornalieri che riguardano le temperature atmosferiche.

Con l'aumento di circa mezzo grado della temperatura diminuisce dell'1% la percentuale di aumento dei casi di malattia; se invece le temperature calano di mezzo grado si ha un aumento dei casi del 3%. Nell'effettuare questo calcolo matematico non si sono prese ovviamente in considerazione tutte le variabili che esistono ovviamente da paese a paese e che riguardano le misure di limitazione alla circolazione, l'utilizzo delle mascherine e degli altri dispositivi di protezione.

Ovviamente lo scopo della ricerca non è quello di dimostrare che l'infezione dipende esclusivamente dalla temperatura, perchè i rischi esistono sempre e comunque anche quando ci troviamo di fronte ad un clima caldo e umido.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid-19 e meteo: come le temperature agiscono sul virus

CataniaToday è in caricamento