Sabato, 31 Luglio 2021
social

Come combattere l'affaticamento da schermi - Alcuni consigli

Se non possiamo o vogliamo permetterci una sorta di 'disintossicazione digitale' per il bene dei nostri occhi è comunque utile seguire alcuni semplici consigli

Gli ultimi sondaggi effettuati hanno evidenziato come sette persone su dieci soffrono al giorno d'oggi di affaticamento visivo legato agli schermi. 

I sintomi che si manifestano sono mal di testa, secchezza oculare, sensazione di formicolio, visione offuscata.  Fastidi che a lungo termine possono provocare anche problemi ben più gravi e che quindi devono essere prevenuti con una sorta di 'disintossicazione digitale'.

Ecco i principali suggerimenti che sarebbe preferibile adottare quando siamo al pc o quando usiamo il nostro smartphone.

- Regolare la distanza tra lo schermo e gli occhi

- Regolare l'altezza e la luminosità del display

- Avere un'adeguata illuminazione ambientale

- Comprare uno schermo più grande

- Fare delle pause regolari sbattendo spesso le palpebre

- Indossare gli occhiali quando necessario

- Usare un tool per ingiallire la luce dello schermo in base all'orario per avere minore carico di luce blu durante gli orari serali (è quella che disturba gli occhi ed il sonno)

- Controllo annuale della vista

- Ogni tanto staccare la vista dallo schermo, rivolgendo lo sguardo verso un punto lontano

- utilizzare integratori a base di luteina e zeaxantina, due caroteni estratti dalla calendula che sono fondamentali per il benessere della retina (la proteggono dagli effetti nocivi delle radiazioni luminose e sono antiossidanti per i tessuti oculari)

- tra le piante che possono essere d'aiuto per la salute degli occhi c'è anche il mirtillo nero (ricco di antocianosidi che migliorano l'acutezza della vista e la visione notturna agendo sulla rigenerazione dei pigmenti retinici essenziali per vedere quando c'è poca luce)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Come combattere l'affaticamento da schermi - Alcuni consigli

CataniaToday è in caricamento