Reddito di cittadinanza: controlli incrociati Comuni-INPS

I singoli Comuni sono stati affiancati all'INPS nell'effettuazione dei controlli nei confronti di coloro che percepiscono il reddito di cittadinanza

Da gennaio 2020 i singoli Comuni si sono affiancati all'INPS nell'effettuare i controlli nei confronti di coloro che percepiscono il reddito di cittadinanza. L'obiettivo è chiaramente quello di stanare i furbi.

Al momento il controllo viene effetuato incrociando i dati dell'ISEE con quelli dei conti correnti e con la residenza dei richiedenti. 

Ogni Comune dovrà procedere a controlli su almeno il 5% delle famiglie che hanno ricevuto il sussidio e dovrà presentare un rendiconto entro ottobre 2020. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I controlli possono essere ordinari e straordinari. Sono ordinari quelli relativi a residenza e soggiorno della famiglia beneficiaria; sono straordinari quelli che riguardano l'ISEE 2020 ed i conti correnti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'aggiornamento dei contagi a Catania e in Sicilia al 3 luglio 2020

  • Non ce l’ha fatta Peppino Rizza, era ricoverato dal 10 giugno al Cannizzaro

  • Scoperto traffico di auto rubate: 5 in manette

  • Per ripicca contro il compagno butta il suo cane dal quarto piano: denunciata

  • Abitazioni minacciate dalle fiamme a Motta Sant'Anastasia

  • Corsa clandestina, il cavallo cade in un fossato e muore: 16 denunciati

Torna su
CataniaToday è in caricamento