Coronavirus ed occhi: sì agli occhiali, no alle lenti a contatto

Lo sostiene una dott.ssa del Policlinico Umberto I, secondo la quale l'occhio viene maggiormente difeso dalla presenza degli occhiali rispetto alle lenti a contatto, molto utilizzate sia per uscire che anche per lavorare al pc

Non solo mani, bocca e naso, anche gli occhi devono essere attenzionati e difesi dal pericolo 'Covid-19'.

La prof. Elena Pacella, responsabile del Pronto Soccorso oftalmico dell'azienda Universitaria Policlinico Umberto I consiglia di tenere sempre le mani lontane dagli occhi e soprattutto di prediligere l'uso di occhiali a quello delle lenti a contatto.

Il motivo? Gli occhiali coprono fisicamente gli occhi dalle goccioline che arrivano dagli starnuti o dai colpi di tosse anche a distanza di 4 metri.

Le lentine invece sono fatte di materiale poroso e quindi in grado di assorbire quanto proviene dall'esterno e farlo arrivare alla superficie oculare. 

Per coloro che non vogliono rinunciare alle lentine è meglio usare quelle monouso (ed utilizzare spesso anche delle lacrime artificiali); nonostante l'antibatterico inserito nella custodia delle lentine non giornaliere il virus può restre lì ed infettare la custodia.

Ad avere precauzione devono essere soprattutto coloro che soffrono di 'occhio secco' o chi lavora al computer.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

Torna su
CataniaToday è in caricamento