Coronavirus: il nuovo modello per l'autocertificazione

E' stato ulteriormente modificato dopo il DPCM dello scorso 22 marzo 2020 che ha limitato fortemente lo spostamento delle persone all'interno del territorio nazionale a causa dell'emergenza 'Coronavirus'

Alla luce delle nuove circolari arrivate ai prefetti delle diverse città italiane è stato necessario modificare nuovamente l'autocertificazione per i cittadini che intendono effettuare degli spostamenti durante l'emergenza 'Coronavirus'.

Al seguente link del Ministero dell'Interno è possibile quindi scaricare il nuovo modello, compilarlo e firmarlo (o anche ricopiarlo a mano se non si è in possesso della stampante).

Nel nuovo modello si deve dichiarare di essere a conoscenza anche del DPCM del 22 marzo che riguarda la 'limitazione alla possibilità di spostamento delle persone' nel territorio nazionale. 

Bisogna anche indicare il motivo dello spostamento e la destinazione. I motivi restano 'comprovate esigenze lavorative', 'motivi di salute', 'situazione di necessità'. La voce 'urgenza' sostituisce quella del 'rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza'. 

Resta invece la situazione di necessità per spostamenti all'interno dello stesso comune. 

Il Consiglio dei ministri potrebbe approvare un decreto per un inasprimento della sanzioni per chi viola i divieti. Le novità riguarderebbero una sanzione amministrativa attorno ai 2mila euro e, eventualmente, anche la confisca del mezzo.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

Torna su
CataniaToday è in caricamento