rotate-mobile
social

Pasqua sostenibile - I consigli del WWF

Ecco alcuni consigli che provengono direttamente dal WWF

L'arrivo della PASQUA comporta inevitabilmente un aumento dei consumi. Ecco però di seguito alcuni comportamenti, suggeriti dal WWF, che possono alleggerire l'impatto sul pianeta.

DECORAZIONI FAI-DA-TE - Non è necessario acquistare troppe decorazioni, se ne possono creare tante in casa utilizzando uova dipinte, nastri, fiori di carta ed altri materiali di riciclo. Le uova possono essere dipinte anche con la curcuma per il giallo, la paprika per l'arancione, il caffè per il marrone, gli spinaci per il verde, il vino rosso per il viola. 

PRODOTTI A KM ZERO - Scegliere questo tipo di prodotti aiuta sia l'economia locale e riduce l'impatto delle produzioni fuori stagione e del trasporto, che gravano anche sui portafogli delle persone. La natura fa crescere automaticamente gli alimenti che ci servono in ogni peridodo della stagione, ragione per la quale è preferibile acquistare solo prodotti di stagione (asparagi in questo periodo).

SPESA CONSAPEVOLE - Bisogna evitare imballaggi inutili ed acquisti eccessivi. Fare la spesa solo con lista alla mano, acquistando il necessario, riducendo gli sprechi ed i viaggi verso il supermercato. Attenzione alla scadenza, non acquistando prodotti che deperiranno prima del loro effettivo utilizzo.

UOVA DI PASQUA - Acquistare cioccolato che ha la garanzia di non provenire da coltivazioni legate a pratiche di deforestazione. Quando possibile ricorriamo a cioccolata con certificazione biologica o certificazione che attesti il rispetto di criteri di sostenibilità ambientale e sociale (Rainforest Alliance o Faitrade).

CONGELARE IL CIBO AVANZATO - Per congelare utilizzare contenitori riutilizzabili invece di sacchetti, fogli e pellicole monouso. Appuntare data e contenuto in modo da avere sempre una visione chiara delle scorte.

ETICHETTE - Bisogna imparare a riconoscere la differenza tra 'consumare entro' (ossia non oltre quella data perchè può essere rischioso per la salute) e 'da consumare preferibilmente entro' che significa che quel cibo potrà essere consumato anche dopo la data indicata ma che potrebbe non essere in condizioni ottimali in quant o a sapore o consistenza. 

DIFFERENZIARE - Forse non tutti sanno che la scatola esterna della colomba va nella carta, il sacchetto interno nella plastica, mentre lo stampo di cottura con residui di cibo nell'organico. I residui di cibo in carta o altro non compostabile deve invece essere inserito nell'indifferenziato. Nell'indifferenziato vanno anche le carte lucide o argentate delle uova di pasqua. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pasqua sostenibile - I consigli del WWF

CataniaToday è in caricamento