Storie di Sicilia - Etimologia della parola 'accura'

Imperativo alla seconda persona, 'accura' è una parola che chiunque arrivi o viva in Sicilia non può non sentire girando per le strade

Chiunque viva in Sicilia o si trovi qui in vacanza avrà sicuramente sentito esclamare per strada la parola 'accura' . Parliamo di un imperativo alla seconda persona che deriva dal verbo 'accurari', ossia 'prestare attenzione, fai attenzione, attento, bada bene'.

L'etimologia si fa comunque risalire al latino, dato che esisteva già un verbo con la stessa radice, ossia 'curare'

Nelle vecchie generazioni era presente la variante formale 'ass'accura', perchè alle persone più grandi si era soliti dare del voi. Tra le espressioni dell'italiano contemporaneo che hanno preso spunto da questo verbo c'è 'prendersi cura, occuparsi di, provvedere a'. 

Nel gergo odierno possiamo trovare espressioni del tipo 'accura a 'tia, 'accura ca caschi'. Nelle zone di Trapani è possibile sentire anche 'accura, cu sa', che tradotto significa 'stai attento che non si sa mai'.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

Torna su
CataniaToday è in caricamento