Storie di Sicilia - Etimologia della parola 'cardacia'

Quando utilizziamo la parola 'cardacia' ci riferiamo ad uno stato di agitazione, inquietudine che comporta anche dei malesseri dal punto di vista fisico

Tra le parole siciliane più famose rientra sicuramente il termine 'cardacia'. La 'cardacia' è, nei fatti, una agitazione incontrollabile che rende la persona insofferente e nervosa e che si manifesta anche con sintomi di tipo fisico.

Per fare un esempio ci possiamo riferire all'insistenza tipica dei bambini che fanno una richiesta, all'ansia con la quale uno studente attende l'esame universitario o un paziente ansioso il responso da parte del medico.

Si ritiene che dal punto di vista linguistico questa parola sia nata nell'epoca medievale e vada fatta risalire al termine greco 'kardiakos' che ha dato vita al sostantivo 'kardiakia' che significa 'malattia del cuore'.

Malattia del cuore che ha come conseguenza l'affanno e l'inquietudine. Da notare, secondo gli esperti, che la parola attuale abbia un certo aggancio anche con il latino 'carduus', che era sinonimo di 'molestia, tedio'.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Coronavirus, morto l'avvocato Ferlito: per lui era stato lanciato un appello ai donatori di plasma

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento