rotate-mobile
Lunedì, 6 Febbraio 2023
social

Natale 2022 - Il decalogo 'green' del WWF

Dai regali alle luminarie, dall’albero al cenone: ecco come alleggerire il nostro impatto sul Pianeta utilizzando meno risorse ed energia, producendo meno rifiuti e mangiando sostenibile

A Natale e Capodanno, di solito, il consumo di rifiuti aumenta in media del 30% a causa di bottiglie, confezioni, carta da regalo, nastri, fiocchi. 

Ognuno di noi può però scegeliere uno stile di vita più sostenibile grazie al 'Decalbero di Natale 2022' del WWF con 10 spunti 'green'.

1 - Alberto di Natale sostenibile - Acquista alberi finti dai mercatini dell'usato o continua ad usare quello che hai già. Se preferisci un albero vero acquistalo da un vivaio purchè sia coltivato localmente e venduto con radici nude o con zolla che assicurano alla pianta una durata prolungata (abete rosso, abete bianco, ginepro, corbezzolo, alloro, pungitopo, melograno, agrume). L'albero va tenuto in casa a temperature non troppo elevate e per non più di 10 giorni. Se disponiamo di spazio esterno, possiamo tenerlo ancora per qualche anno in un vaso molto grande così da assicurarci un bell’albero “a km 0” per i successivi Natali. 

2 - Decorazioni riciclate -  Piuttosto che acquistarne di nuove, organizziamo uno scambio di decorazioni natalizie con gli amici. Si può anche dare un’occhiata in un negozio vintage per pezzi unici e intramontabili oppure, riunire amici o familiari per creare insieme decorazioni natalizie fai-da-te. Facendo una passeggiata nei giardini o nei boschi possiamo cogliere da terra dei rametti, foglie colorate, ghiande e fiori secchi e utilizzarli insieme a bucce essiccate della frutta (ad esempio arance e mele) per realizzare dei bei centri tavola o decorare l’albero.

3 - Meno illuminazione - Per gli esterni, scegliamo luci dotate di un pannello fotovoltaico: 4-6 ore di sole sono sufficienti per averne 8-12 di luce! Albero e presepe teniamoli accesi solo la sera e con luci a led, e ricordiamoci di spengerli quando usciamo o andiamo a dormine. Inoltre, diciamo addio alle batterie tradizionali, quelle ricaricabili durano in genere da 2 a 5 anni e possono essere ricaricate centinaia di volte.

4 - Cosa regalare a Natale? - Fra le idee antispreco che troverai sul sito sostieni.wwf.it, all’interno della sezione Pandagift, ci sono la borraccia con il logo del Panda, la pratica shopper per evitare le buste di plastica e l’utilissima lunch box.

5 - Confezioni creative - Evitiamo le solite confezioni regalo, perché la maggior parte di esse non può essere riciclata (es. carta velina, carte plastificate o glitterate, buste metallizzate). Consideriamo l'uso di iuta, vecchi giornali, fumetti, sacchette che non utilizziamo. È possibile anche realizzare confezioni regalo riutilizzabili (in Giappone è una vera arte che si chiama furoshiki) con l’utilizzo di scampoli di stoffe, foulard e vestiti che non usiamo più.

6 - Regali in barattolo fai-da-te - Proviamo a realizzare dei regali personalizzati all’insegna dell’autoproduzione e del riciclo creativo. Con le bucce, i gambi, le foglie e i semi di molti prodotti che acquistiamo si possono realizzare conserve, dolcetti, infusi, frutta candita o al miele, salse, semi da sgranocchiare, spezie, polveri da utilizzare in cucina e ortaggi sott’olio. Possiamo sbizzarrirci con le ricette, poi confezioniamo il tutto riutilizzando i barattoli di vetro che abbiamo a casa, una bella etichetta di carta scritta a mano e componiamo dei graziosi cestini da regalare.

7 - Regalare esperienze - È ora di cominciare a regalare esperienze da vivere in compagnia invece che oggetti. Tra le idee ci sono il birdwatching, le passeggiate in parchi, oasi e aree naturalistiche, i trekking fotografici, la raccolta dei rifiuti o la piantumazione di un albero per simboleggiare il valore della natura. Puoi scaricare l'applicazione SEEK di iNaturalist, che permette di identificare e scoprire di più sulle specie locali, aiutando gli scienziati a monitorare la biodiversità globale. Sono disponibili tantissimi itinerari di mobilità dolce per scoprire le località raggiungibili con il treno, in bici o con bellissime camminate per tutti i tipi di escursionisti, più o meno esperti. 

8 - Tavola sostenibile - Iniziamo dalla tovaglia: una bella tovaglia di cotone o lino è da preferire alle tovaglie usa e getta di carta o, peggio, di plastica. Stesso discorso vale per i tovaglioli e le stoviglie, come insegnano gli esperti di home decor, nessuno ci vieta di utilizzarli uno diverso dall’altro. Per un giorno di festa come il Natale, rispolverate il servizio bello, quello della nonna o della vostra famiglia ed evitate le stoviglie usa e getta. Se non abbiamo stoviglie ereditate, perché non acquistare un servizio vintage di seconda mano oppure chiederlo in prestito ad un amico? Per il segnaposto usiamo spezie ed erbe aromatiche e per un tocco di luce calda alla tavola possiamo mettere qualche candela in cera naturale certificata.

9 - Gusto e sostenibilità - Per rispettare l’ambiente a tavola anche a Natale, prova un menù biologico, con prodotti locali, di stagione e poca carne. Antipasti, primi, secondi e dolci: nella tradizione italiana esistono piatti vegetariani in grado di soddisfare anche i palati più esigenti. Puntiamo su specie di stagione e meno conosciute ma altrettanto saporite e a basso impatto ambientale (e spesso anche meno care!). Possiamo farci aiutare dalla guida pescesostenibile.wwf.it. Inoltre, facciamo attenzione ad acquistare le quantità di cibo giuste, senza eccedere, e conserviamo bene quello che avanza per ridurre gli sprechi. Infine, per brindare? Offriamo vino e bollicine rigorosamente bio. Possiamo anche creare dei cocktail sfiziosi a spreco zero: gli scarti di cucina, come bucce della frutta e della verdura, oltre alle spezie, possono essere utilizzate nell’acqua e negli alcolici per offrire cocktail e bevande gustose e aromatizzate. Infine, anche l'acqua in bottiglia andrebbe evitata, visto l'altissimo consumo che se ne fa in queste occasioni e di conseguenza i molti rifiuti che si producono. Usiamo bottiglie di vetro con l’acqua di rubinetto lasciata decantare qualche ora. 

10 - Outfit e makeup ecologici - L'acquisto di un vestito nuovo da indossare solo una volta per le feste è da evitare, dato l'enorme problema dei rifiuti dell'industria della moda. Il nuovo trend è infatti il preloved, capi usati, ma in perfette condizioni che, invece di finire in discarica, vengono rimessi sul mercato a prezzi bassi. Oltre ai negozi fisici, sono tantissime le app in cui è possibile vendere, acquistare o scambiare usato. Un’altra opzione è quella di affittare un abito, il fashion renting, per creare look con meravigliosi abiti couture e accessori che tutti, almeno una volta nella vita, abbiamo desiderato.  Per il make-up scegliamo cosmetici all’interno di materiali riciclati e riciclabili, pensati per essere differenziati facilmente, o ancora meglio dentro imballaggi ricaricabili. Un nuovo trend sono i cosmetici solidi e "nudi", ovvero venduti senza una confezione attorno. Oltre a prestare attenzione al packaging, è importante anche scegliere prodotti a base di ingredienti di origine naturale e con gli irrinunciabili glitter colorati ma di origine vegetale, privi di plastica.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Natale 2022 - Il decalogo 'green' del WWF

CataniaToday è in caricamento