Storie di Sicilia - La leggenda di Aci e Galatea

Acireale deve il suo nome, secondo la leggenda, al pastorello Aci, figlio del Dio Pan e follemente innamorato della ninfa Galatea

Tra le leggende legate a Catania, in questo caso alla provincia di Acireale, c'è quella di Polifemo e Galatea. Secondo quello che si è appreso dai libri la cittadina acese deve il suo nome al pastorello Aci, figlio del Dio Pan (protettore di boschi e monti). Aci era follemente innamorato di una ninfa del mare, Galatea

Quest'ultima però era nelle grazie di Polifemo, che venuto a conoscenza dell'amore tra i due, decise di togliere di mezzo Aci ed ucciderlo gettandogli addosso un gigantesco masso. 

La giovane, venuta a conoscenza della morte del suo amato, si precipitò dove si era verificato l'accaduto e la sua infinita tristezza fece sì che gli Dei decidessero di trasformare Aci in un fiume che scende dall'Etna e sfocia nel tratto di mare dove di solito i due amanti si incontravano.

Si pensa che quel fiume sotterraneo oggi riaffiori nei pressi di Santa Maria La Scala e sfoci in una sorgente che viene chiamata 'il sangue di Aci', in siciliano 'u sangu di Jaci'.

La favola di Polifemo e Galatea è divenuta anche un libro, scritto nel 1612 da Luis De Gongora y Argote (religioso spagnolo). 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

Torna su
CataniaToday è in caricamento