rotate-mobile
social

Perchè prendiamo la scossa quando si scende dall'auto? E come evitarlo...

La scossa che prendiamo quando tocchiamo l’auto (sensazione fortemente spiacevole anche se fortunatamente momentanea) è legata a un movimento di cariche elettriche

Sarà capitato a tutti almeno una volta nella vita di prendere la scossa quando scendiamo dalla macchina. Il tutto è causato da uno squilibrio di cariche elettriche tra due oggetti che hanno un diverso potenziale elettrico.

Ma da cosa dipende questo trasferimento di cariche elettriche? Ce lo spiegano gli esperti di geopop.it.

Il primo processo fisico che può portare ad uno squilibrio di cariche è per esempio lo strofinamento di due materiali (si chiama effetto triboelettrico). E' un fenomeno che si verifica quando si strofina un materiale che 'conduce' elettricità con uno che 'isola' l'elettricità.

A causa della diversa densità elettronica si genera quindi una tensione, che porta a sentire quella scossa elettrica.

1. A causa dello sfregamento tra i nostri vestiti ed il sedile dell'auto (vestiti-isolanti, sedile-conduttore) 

2. A causa dell'attrito tra il vento ed il telaio dell'auto (che si verifica nelle giornate secche).

Il secondo fenomeno che può portare alla scossa è l'induzione elettrostatica: ossia l'elettrizzazione di un oggetto neutro che viene a contatto con un oggetto che è invece carico elettricamente.

Ad esempio, a causa dell'accumulo di cariche negative sui nostri vestiti, che vengono a contatto con il sedile (pieno di cariche positive), la schiena si caricherà positivamente ed il nostro corpo si polarizzerà, con la conseguenza che su mani e piedi ci saranno cariche negative.

E quando le mani, cariche negativamente, si avvicinano alle parti metalliche dell'auto (anche senza toccarle), inducono anche le cariche del veicolo a redistribuirsi per induzione elettrostatica e si verifica che il conducente prende la scossa.

Come evitare o ridurre la scossa?

1. Quando siamo ancora seduti in auto si può aumentare la superficie di appoggio toccando il telaio metallico con tutto il palmo della mano per far distribuire il flusso di carica su una superficie più ampia e ridurre così la sensazione spiacevole

2. Evitare abiti sintetici e plastici aiutando a ridurre l'accumulo di cariche elettriche a contatto con il sedile; al giorno d'oggi però anche i sedili delle auto vengono prodotti con materiali plastici ed inducono di più rispetto al passato; in commercio esistono però spray antistatici che si spruzzano sul sedile per limitare questa spiacevole sensazione

3. Una volta che siamo usciti dall'auto ed abbiamo messo i piedi per terra chiudere la portiera con i gomiti o con le spalle per aumentare la resistenza da contatto e scaricare l'eventuale accumulo di carica dall'auto

La scossa può manifestarsi anche su altri mezzi di trasporto. In treno (collegati a terra durante il funzionamento) c'è sempre il rischio di attrito tra schiena e sedile. 

In aereo (anche loro possono caratterizzarsi per l'accumulo di carica sul telaio mentre sono in volo) la situazione viene in parte risolta perchè quando si trovano a terra vengono collegati per scaricare eventuali cariche elettriche che evitano incendi che potrebbero proprio essere causati da queste eccessive cariche elettriche accumulate.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Perchè prendiamo la scossa quando si scende dall'auto? E come evitarlo...

CataniaToday è in caricamento