Mercoledì, 28 Luglio 2021
social

Viaggi e Covid-19: le linee guida dell'UE ed i diritti dei turisti

Anche in tempo di Covid-19, seppure con determinate misure di contenimento, è possibile viaggiare: l'Unione Europea ha dettato delle linee-guida che riguarda lo spostamento delle persone ed i loro relativi diritti

A causa dell'emergenza Covid-19 in tutta Europa sono state introdotte delle misure di contenimento tra le quali rientrano ovviamente anche le restrizioni ai viaggi.

Nonostante questo è importante capire quali siano per ogni cittadino i propri diritti come turista sulla base delle linee guida emesse dalla Commissione Europea lo scorso 18 marzo 2020.

Voli - Per quelli cancellati le compagnie aeree hanno l'obbligo di offrire tre diverse opzioni, ossia l'imbarco su volo alternativo non appena possibile o ad una data successiva a scelta del passeggero o il rimborso del volo. L'imbarco sul volo alternativo, a causa del numero limitato di voli, potrebbe essere soggetto ad ulteriori ritardi: motivo per il quale le compagnie in questo caso dovranno fornire ai passeggeri pasti, bevande e sistemazione in albergo.

Intermediari - Nel momento in cui il biglietto aereo è stato, per esempio, acquistato online attraverso degli intermediari c'è da sapere che il regolamento UE non contempla la presenza di questi ultimi. Ragione per la quale per poter eventualmente avere da rivendicare qualcosa nei confronti degli intermediari bisogna fare riferimento ai termini e condizioni stabiliti dall'intermediario ed accettati al momento dell'acquisto del biglietto.

Rimborso - Le modalità del rimborso sono indicate nei termini e condizioni di acquisto del biglietto. Solitamente però avviene dopo 7 giorni dopo la richiesta del passeggero nel caso di trasporto aereo, marittimo e per vie navigabili interne; 14 giorni dopo la formulazione dell'offerta, il ricevimento della domanda in caso di trasporto con bus; un mese dopo la domanda del passeggero in caso di trasporto ferroviario.

Voucher - E' possibile per i passeggeri scegliere tra rimborso e voucher per tutti i viaggi con areo, bus, treni, traghetti ed anche per i pacchetti di viaggio. I voucher devono valere almeno per 1 anno e devono essere rimborsati se non utilizzati. Possono anche essere trasferiti ad un altro passeggero. C'è però da dire che non è stato regolamentato dall'UE cosa accade nel momento in cui si è accettato un voucher senza essere informati sui propri diritti: ragione per la quale in caso di controversia ci si dovrà rifare al proprio diritto nazionale.

Pacchetti turistici - Coloro che lo hanno acquistato possono risolvere il contratto di diritto senza corrispondere alcuna spesa di risoluzione ma solo nel momento in cui nel luogo di destinazione o nelle vicinanze vi siano state circostanze eccezionali e straordinarie. In mancanza di queste condizioni potranno comunque risolvere il contratto ma dovranno corrispondenre le spese di risoluzione.

Risarcimento del danno - Normalmente si ha inoltre diritto ad un risarcimento del danno nel momento in cui il volo viene cancellato due settimane prima della partenza. Se l'eliminazione del volo è dovuta a circostanze eccezionali il risarcimento non è previsto: c'è da dire che spesso la pandemia Covid-19 viene considerata una circostanza eccezionale che non dà diritto al risarcimento del danno ma solo al rimborso. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Viaggi e Covid-19: le linee guida dell'UE ed i diritti dei turisti

CataniaToday è in caricamento