rotate-mobile
Venerdì, 3 Dicembre 2021
social

ISEE: durata e requisiti, ecco cosa è cambiato

Importanti le novità introdotte dal decreto crescita e che sono diventate operative dallo scorso 4 ottobre

Sono diventate operative le nuove regole sull'ISEE corrente introdotte dal decreto crescita, grazie alle quali la validità dell'indicatore è stata allungata e ne è stato facilitato l'accesso alle famiglie.

Quando parliamo di ISEE ci riferiamo ad un indicatore della situazione economica alternativo a quello ordinario che può essere chiesto a fronte di un miglioramento o peggioramento delle condizioni economiche del nucleo familiare e che permette di poter avere determinate agevolazioni.

La richiesta dell'ISEE è fondamentale, per esempio, per ottenere prestazioni agevolate come la retta degli asili, le tasse universitarie o il reddito di cittadinanza.

ISEE - Quali novità 

- la durata è passata da 2 a 6 mesi dal momento di presentazione della DSU, ossia la dichiarazione sostitutiva unica

- Requisiti per ottenerlo: riduzione del reddito familiare del 25%, interruzione o riduzione del rapporto di lavoro, interruzione di una indennità o prestazione sociale.

A partire dal 1 gennaio 2020 l'INPS metterà a disposizione l'ISEE telematico precompilato. Alcuni dati però dovranno continuare ad essere inseriti dall'utente: composizione nucleo familiare e informazioni per la determinazione del valore della scala di equivalenza; eventuali soggetti rilevanti ai fini del calcolo delle componenti aggiuntive Isee; condizione di disabilità e non autosufficienza; identificazione della casa di abitazione; reddito complessivo in presenza di casi di esonero dalla dichiarazione; una serie di componenti reddituali e patrimoniali; assegni periodici; mutui; auto, moto, navi e imbarcazioni da diporto.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

ISEE: durata e requisiti, ecco cosa è cambiato

CataniaToday è in caricamento