rotate-mobile
Lunedì, 24 Gennaio 2022
Segnalazioni Picanello / Via Giacomo Leopardi, 6

Riprende il processo per l'omicidio di Mariella Cimò scomparsa misteriosamente nel 2011

In aula come unico imputato il marito Salvatore Di Grazia che si professa innocente e si sottoporrà all'esame del Pm Angelo Busacca, come dichiarato dalla difesa l'udienza scorsa

Domani martedì 18 novembre si svolgerà un'altra udienza in Corte d'Assise del tribunale di Catania presieduta dal Dott. Rosario Cuteri per l'omicidio e la soppressione del cadavere di Mariella Cimò scomparsa misteriosamente il 25 agosto del 2011.

In aula come unico imputato il marito Salvatore Di Grazia che si professa innocente e si sottoporrà all'esame del P.M. Angelo Busacca, come dichiarato dalla difesa l'udienza scorsa.

Nel corso dell'udienza sarà sentito anche il fratello di Mariella Cimò , il quale aveva affermato in una dichiarazione resa ai media, "Mariella è stata uccisa me lo dice il cuore…..questo nasce da una sensazione interiore, determinata dalla conoscenza profonda della persona. Io mia sorella l'ho vista nascere e ricordo persino quando tirava i primi passi. Era mia sorella, la conoscevo profondamente, mai e poi mai sarebbe andata via così, abbandonando i suoi affetti più cari, soprattutto i suoi adorati animali".

Intanto in data 20 ottobre 2014 la Corte di Appello di Catania ha rigettato il reclamo del marito Salvatore Di Grazia avverso il decreto di nomina del curatore della scomparsa Mariella Cimò per provvedere agli atti di conservazione e protezione del patrimonio e per garantire gli interessi degli eredi. Si è costituito il nipote Massimo Cicero , rappresentato e difeso dall'Avv. Cinzia Ausilia Turrisi , osservando che, pur in presenza di una procura generale rilasciata al marito dalla moglie, sussistono i presupposti per la nomina del curatore stante il conflitto di interessi tra rappresentante e rappresentato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riprende il processo per l'omicidio di Mariella Cimò scomparsa misteriosamente nel 2011

CataniaToday è in caricamento