Catania pedala in difesa dell'Artico

Organizzata dall'Associazione ambientalista Greenpeace, la campagna vuole sensibilizzare l'opinione pubblica sul problema delle trivellazioni petrolifere nell'Artico. Anche Catania ha aderito

Una pedalata molto particolare si svolgerà nella città sicula domani 15 settembre: una pedalata polare. Organizzata dall’Associazione ambientalista Greenpeace, la campagna vuole sensibilizzare l’opinione pubblica sul problema delle trivellazioni petrolifere nell’Artico, una battaglia che l’associazione segue ormai da anni.


 

L'appuntamento è alle 16 in Piazza Stesicoro al gazebo di Greenpeace dove verranno organizzate tante attività anche per i bambini. Saranno presenti anche Legambiente Catania e Wwf Catania.

La pedalata partirà alle 18 e attraverserà le vie principali della città per far ritorno a Piazza Stesicoro.


 

Per essere tra coloro che pedaleranno a favore degli orsi polari, basterà indossare una t-shirt bianca, arrivare all’appuntamento con la propria bici e unirsi all’evento.

Il 15 settembre non solo nel Bel Paese le due ruote saranno le protagoniste nella lotta alle trivellazioni, quel giorno migliaia di persone in più di 75 città di 35 Paesi nel mondo saliranno in sella alla propria bicicletta per una giornata di mobilitazione globale al fine di proteggere il fragile ecosistema artico.


 

L’Ansa fornisce i dettagli su tutti gli altri incontri italiani: i paladini del Polo nord saranno nei luoghi più simbolici in altre cinque città: Catania (a Piazza Stesicoro), Milano (ai giardini di Porta Venezia), Napoli (a Piazza del Gesù Nuovo), Roma (piazza del colosseo) e Verona (a Via Roma). In qualche città ad attendere i ciclisti ci saranno orsi polari, giocolieri e acrobati Parkour. Oltralpe, a Londra l'orso Aurora, grande quanto un bus a due piani, sfilerà per le strade fino alla sede internazionale della compagnia petrolifera Shell.


 

"Con la pedalata 'polare' - spiega all'agenzia di stampa Cristiana De Lia, responsabile della campagna Mare di Greenpeace Italia - vogliamo chiedere alla comunità internazionale di dichiarare l'Artico un santuario globale, regione protetta da ogni tipo di sfruttamento industriale". L'iniziativa, che fa parte della campagna di Greenpeace 'Save the Arctic', coincide "con il raggiungimento del livello minimo dei ghiacci artici, nel momento in cui la calotta intorno al Polo nord si ritira al termine dell'estate. Già nel 2012 era stato raggiunto il triste record del minimo storico e, anche quest'anno, gli scienziati prevedono un nuovo allarmante livello che potrebbe essere tra i cinque più bassi della storia".

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
CataniaToday è in caricamento