rotate-mobile
Martedì, 25 Giugno 2024
Sport

Il presidente Giuseppe Bosco parla del suo Catania Beach Soccer, tra passato e futuro

Si avvicina a grandi passi l’inizio della stagione numero 20 del club, la cui storia annovera 13 allori nel suo palmares e ben 27 finali

Si avvicina a grandi passi l’inizio della stagione numero 20 del Catania Beach Soccer, la cui storia annovera 13 allori nel suo palmares, ben 27 finali, e la nomea di club più titolato e longevo d’Italia. Galloni che la società rossazzurra ha conquistato grazie alla passione del suo presidente Giuseppe Bosco, antesignano di una disciplina nata proprio nel 2004 sotto l’egida della LND, di cui il primo tifoso etneo si innamorò perdutamente sulle spiagge di Rimini. “Il beach soccer ha grandi margini di crescita, giovane, con alle spalle solamente 20 anni. È lo sport dell’estate, che muove passione e l’interesse genuino di famiglie e bambini. È un gioco spettacolare, ricco di acrobazie, che vidi nell’ormai lontano 1998 osservando i grandi campioni della nostra Nazionale che incantavano e divertivano tifosi e sportivi presenti in spiaggia. Da allora decisi di impegnarmi nella costruzione di una squadra che potesse rappresentare i colori della città”, afferma Giuseppe Bosco, che lancia il guanto di sfida.

“La nostra mission è, sempre, quella di portare in alto i colori rossazzurri. Siamo la società più titolata d’Italia, quella che ha organizzato 29 eventi, sia nazionali che internazionali. L’obiettivo è quello di allestire una rosa competitiva e cercare di portare quanti più trofei a Catania. Lo scorso anno abbiamo iniziato benissimo, vincendo la sesta Supercoppa di Lega della nostra storia, abbiamo proseguito discretamente, chiudendo al secondo posto nella regular season, ma, purtroppo, non abbiamo dato il seguito che ci aspettavamo, perdendo la finale di Coppa Italia, uscendo inaspettatamente ai quarti di finale contro un Terracina mai domo. Credo sia doveroso ringraziare gli attori protagonisti della passata stagione – prosegue -. Ci sarà una riorganizzazione societaria e anche tecnica. Rimarranno alcuni punti fermi, perché sono delle basi portanti del Catania Beach Soccer, ma ci saranno anche alcuni graditi ritorni, che annunceremo nei prossimi giorni” Infine, un saluto al popolo rossazzurro: “E’ sempre un onore rappresentare Catania e i catanesi. L’invito che rivolgo a tutti gli amanti di beach soccer, partendo dai nostri sostenitori, è che possano seguirci in tantissimi, nelle beach arene di tutta Italia e sui nostri canali ufficiali, che vantano oltre 20.000 seguaci”

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il presidente Giuseppe Bosco parla del suo Catania Beach Soccer, tra passato e futuro

CataniaToday è in caricamento