Boxe, la catanese Martina La Piana vince il premio "Auteri"

Sarà Martina La Piana a ricevere uno dei riconoscimenti conferiti da Panathlon international “Ludis Iungit”, in occasione dell'evento che si terrà lunedì 6 marzo 2017

Sarà Martina La Piana a ricevere uno dei riconoscimenti conferiti da Panathlon international “Ludis Iungit”, in occasione dell'evento che si terrà lunedì 6 marzo 2017 alle ore 21 nei locali dell'Hotel Sheraton di Aci Castello. Il consiglio direttivo di Panathlon International, associazione benemerita del Coni, presieduta da Antonio Mauri, ha destinato il premio “Enzo Auteri”, come da tradizione dedicato ai giovani talenti dello sport siciliano, alla quindicenne Martina La Piana, allieva di Coach Giovanni Cavallaro e punta di diamante della società Team Cavallaro Fitbull di Catania (società di appartenenza Trinacria Boxing): ufficialmente in attività a partire dal 2016, la giovanissima pugile categoria 50 kg Junior, in un anno ha combattuto 6 volte, ottenendo 5 vittorie e perdendo solo in una occasione.

A settembre l'evento più importante: convocazione in azzurro sotto l'egida di Coach Emanuele Renzini e ribalta internazionale con la partecipazione agli Europei di Ordu in Turchia ed uno stop in semifinale che è valso un bronzo per il guanto rosa di Catania. Le vittorie al Torneo Nazionale “Alberto Mura” ed alla “Cintura Siciliana” nello scorso dicembre arricchiscono la breve ma intensa storia sportiva di Martina La Piana, adesso in preparazione per la nuova stagione che la vedrà impegnata in campo nazionale con tornei di una certa importanza e con la possibilità di ripetersi o migliorarsi agli Europei 2017. (in foto La Piana e il Maestro Cavallaro)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento