Calcio Catania, presentato Di Cecco: "Arrivo in una piazza importante"

Esperienza, duttilità, quantità e propensione alla conclusione dalla distanza. Domenico Di Cecco, 32 anni, ha tutte le carte in tavola per alzare il livello della squadra in un centrocampo che vede nella lista dei partenti Russo e Lulli

Esperienza, duttilità, quantità e propensione alla conclusione dalla distanza. Domenico Di Cecco, 32 anni, ha tutte le carte in tavola per alzare il livello della squadra in un centrocampo che vede nella lista dei partenti Russo e Lulli. L'acquisto del neo centrocampista etneo è sintomo di garanzia. Come ricordato dallo stesso giocatore durante la conferenza stampa di questo pomeriggio, nel 2007 ha portato a casa la vittoria di un campionato maturata con l'Avellino in serie C1. Segno questo di una conoscenza profonda della categoria.

Possibile paragonarlo a un nome tanto importante per la piazza etnea come Davide Baiocco? "Non grido in campo come lui, cerco di dare l'esempio, ma rimanendo in silenzio" spiega con umiltà il centrocampista, rimasto estasiato inoltre dalla struttura di Torre del Grifo, che definisce "un centro davvero all'avanguardia, tanto che fa effetto allenarsi qui e disputare invece un campionato di Lega Pro. Sembra di stare in serie A".

Come si inseirirà il giocatore nel 4-3-3 di Pancaro? "Preferisco giocare da interno sinistro in un centrocampo a tre" spega l'atleta, le cui aratteristiche calzano a pennello per la causa rossazzurra e lo scacchiere tattico del mister.

"Fisicamente sto molto bene, sono al cento per cento" conclude Di Cecco, stuzzicando già la mente dei tifosi più curiosi, impazienti di vederlo all'opera nel continuo della stagione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento