Calcio Catania, ancora 5 giorni per decidere il futuro: Tribunale concede tempo

Confermate le indiscrezioni lanciate nella giornata di oggi da CataniaToday. Reputata ammissibile la richiesta di concordato preventivo in bianco presentata dal club di via Magenta. Nominati due commissari giudiziari, ma il cda del club di via Magenta non è stato azzerato

Confermate le indiscrezioni lanciate nella giornata di oggi da CataniaToday. Il Tribunale, senza scendere nei meandri dei tecnicismi del diritto fallimentare, ha deciso di concedere tempo al Catania, reputando ammissibile la richiesta di concordato preventivo in bianco presentato dal club di via Magenta, come riportato dai colleghi di MeridioNews. Nominati due commissari giudiziari, ma il cda del club di via Magenta non è stato azzerato: spetterà quindi al Calcio Catania decidere dell'eventuale vendita del club. La governance del club etneo dovrà poi motivare ai commissari nominati la scelta presa. Il Tribunale etneo infatti ha preso atto che allo stato attuale esiste un'offerta, quella della Sigi, depositata ufficialmente, e ha deciso di dare un breve lasso di tempo, 5 giorni, per far si che si possa iniziare a trovare un accordo tra le parti. 

Accordo tutt'altro che semplice da formalizzare. La questione principale è infatti che il concordato in bianco del Calcio Catania è funzionale al concordato in bianco di Finaria. Senza la liquidità derivante dalla vendita del Calcio Catania, uno degli asset della holding, Finaria non sarebbe in grado di avviare il concordato in bianco. Il meccanismo del concordato in bianco ricordiamo è un meccanismo previsto dalla legge per evitare il fallimento. L'offerta avanzata dalla Sigi è di un milione e un euro, cifra simbolica che dimostra la posizione ferma della Sigi, la quale reputa congrua l'offerta avanzata, a fronte dell'investimento di 54 milioni relativo ai debiti accumulati verso l'erario, i creditori e l'intero asset del centro sportivo. Dall'altro lato però il Calcio Catania vorrebbe ricavare più liquidità dalla vendita per poter avviare in questo modo anche il concordato in bianco di Finaria. Altra soluzione in canna in casa Finaria per trovare liquidità sarebbe quella di provare a scorporare Torre del Grifo e tentarne la vendita. Soluzione complicata visto il breve tempo a disposizione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento