rotate-mobile
Mercoledì, 19 Gennaio 2022
Calcio

Il presidente della FIGC Sicilia Sandro Morgana: "concluderemo i campionati in sicurezza"

“La mission che abbiamo è quella di tornare in campo. Si tratta di un compito difficile in questo momento, perché devo conciliare aspetti importanti”

I campionati regionali di calcio sono fermi fino al 23 gennaio (tranne partite di recupero e Coppa Italia). Sulla ripresa si è espresso, così, in un’intervista rilasciata a PalermoToday, il presidente della Figc Sicilia Sandro Morgana.  “La mission che abbiamo è quella di completare i tornei e tornare in campo. Si tratta di un compito difficile in questo momento, perché devo conciliare due aspetti importanti: la tutela della salute e della sicurezza delle persone assieme all’attività delle squadre. Sto facendo questo in un contesto di grande collaborazione tra tutte le parti. Stiamo cercando di fare in modo che vengano prese nel rispetto delle singolarità delle decisioni, che siano ampiamente condivise a livello nazionale.

Questo nostro senso di responsabilità ci ha portati anche a prendere tempo prima di ricominciare l’attività in sicurezza e ciò ci dà serenità alla luce di quello che leggiamo e delle notizie che ci danno gli scienziati ovvero che il picco arriverà alla fine del mese. Rispetto agli altri anni avremo un vantaggio importante: aver completato le gare del girone d’andata e il vaccino. A breve ci sarà una call tra tutti i comitati regionali: io penso che certamente riprenderemo l’attività e che lo faremo con grande senso di attenzione. Sono molto tranquillo in tal senso. Lavoreremo affinché tutti i campionati, dall’Eccellenza fino ai campionati di settore giovanile possano riprendere. In questo momento è evidente che dobbiamo valutare il dato epidemiologico ma una settimana in più o meno non cambia la vita di nessuno: l’importante è riprendere e farlo bene”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il presidente della FIGC Sicilia Sandro Morgana: "concluderemo i campionati in sicurezza"

CataniaToday è in caricamento