rotate-mobile
Calcio

Promozione, Mazzarrone atteso dal big match contro il Modica

Domenica, alle 15, la capolista del girone D sarà di scena al “Vincenzo Barone” in casa della seconda della classe, che insegue a quattro punti

La voglia di confermarsi in testa alla classifica. Di chiudere il girone d’andata con un vantaggio importante sulle rivali. Domenica, alle 15, il Mazzarrone, capolista del girone D del campionato di Promozione, sarà di scena al “Vincenzo Barone” di Modica in casa della seconda della classe, che insegue a quattro punti.

“Domani – confessa il portiere Andrea Parlabene, estremo difensore meno battuto del campionato con sei gol subiti - ci troviamo ad affrontare la partita più difficile del girone d’andata, sappiamo che tanto passa da questi 90 minuti. Troveremo una squadra molto organizzata con giocatori importanti, abbiamo preparato in settimana bene questa gara, ci presentiamo da capolista ma con totale rispetto dell’avversario”.

Amadou Dieme non molla mai un passo. Lotta come un leone, corre dal primo all'ultimo minuto. La forza del Mazzarrone, miglior difesa del campionato, sta anche nel suo lavoro. "Stiamo facendo bene. Siamo un bel gruppo capeggiato da un ottimo allenatore. Non è stato facile raggiungere questa posizione e non sarà facile continuare a stare al vertice, ma abbiamo tutte le potenzialità per poter far bene e raggiungere gli obiettivi. Quindi tutti insieme dobbiamo domenica dopo domenica, rimanere concentrati per continuare a guidare il girone". Dieme parla del suo momento personale: "Io dopo un infortunio sto riprendendo la forma e sono certo, così come ho fatto in altre squadre, di poter migliorare ancora di più e dare il mio contributo alla causa. Bella la soddisfazione di aver vinto a Gela contro una squadra che ha tanti nomi importanti. Ho giocato bene, con grinta e voglia di portare a casa i 3 punti. Spero di continuare a fare bene”,

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Promozione, Mazzarrone atteso dal big match contro il Modica

CataniaToday è in caricamento