rotate-mobile
Sabato, 27 Novembre 2021
Calcio

Serie D Coppa Italia, Acireale eliminato ai rigori dall'Fc Messina

Nella "lotteria" dal dischetto, dopo ben 7 errori, tra traverse e conclusioni alle stelle, la trasformazione di Licciardello decide il match a favore dei peloritani

L'Acireale è stato eliminato ai rigori (3-2) dall'Fc Messina allo stadio "Franco Scoglio", dopo che i tempi regolamentari si erano chiusi a reti inviolate, nel secondo turno di Coppa Italia.    

Lunga fase di studio con le squadre che cercano prevalentemente di trovare le distanze corrette tra i reparti, compito complicato per via degli assetti rivoluzionati con numerosi cambi. Supremazia territoriale dei padroni di casa, che non riescono, però, a trovare le finalizzazioni giuste. Al 20’ ci prova Garetto dalla distanza con una conclusione priva della necessaria forza. Si deve attendere il 30’ per il colpo di testa a lato di Garetto, sul cross mancino di Cottone. Pochi minuti dopo, Cottone ruba il pallone ad un difensore, serve l’accorrente De Souza, anticipato, in extremis, da Giannini in uscita bassa. Prima dell’intervallo, il vivace Garetto ci prova dalla distanza, la sfera sorvola l’incrocio.  

La compagine dello Stretto fa entrare, in avvio di ripresa, Panvini al posto di Bozzanga ed il 2003 giallorosso si mette subito in mostra con una serpentina sulla fascia, salta due uomini e mette al centro, la retroguardia si salva di mestiere. Sow si fa vedere (65’) con un’incursione sulla sinistra, ma suo il diagonale, da posizione defilata, termina sul fondo. Licciardello pericoloso (81’) direttamente su lancio di Giannini, ma D’Alterio è bravo nell’intercettargli la battuta, evitando, così, rischi.

Sul ribaltamento di fronte, gli ospiti reclamano per il presunto tocco di braccio in area di un difensore sul tiro-cross di Correnti, l’arbitro, vicinissimo all’azione, lascia correre. Ultimo brivido sulla deviazione aerea in tuffo di Licciardello, che, servito da Faraone, non inquadra lo specchio, nonostante l’apprezzabile gesto atletico. Nella “lotteria” dal dischetto, dopo ben 7 errori, tra traverse e conclusioni alle stelle, la trasformazione di Licciardello decide il match a favore dei peloritani.  

Fc Messina-Acireale 0-0 (3-2 d.c.r.)
Fc Messina: Giannini, Iurato, Stelitano (37’ st Faraone ), Aliaga, Bozzanga (1’ st Panvini), Samb, Piccione, Ciccone, Gioia (33’ st Santapaola), Sow (31’ st Licciardello), Valente (22’ st Godano). A disp. Cuomo, Perez, Carrozzino e Tosolini. All. Emanuele Ferraro.
Acireale: D’Alterio, De Pace, De Souza, Cesarano (18’ st Russo), Esposito, Mustacciol, Lo Monaco (18’ st Ortolini), Giordano (35’ st Piccioni ), Cottone (29’ st Correnti), Brumat, Garetto (48’ st Cannino). A disp. Governo, Todisco, Cadili e Tumminelli. All. Fabio De Sanzo.
Arbitro: Menozzi di Treviso (Pancani e Cirillo di Roma 1).
Note: sono stati ammoniti: Esposito, De Pace, Samb, Cesarano, Sow, Giordano e Iurato. Recupero: 0’ e 5’. Sequenza rigori: Piccioni gol; Santapaola gol; Russo alto; Piccione alto; Ortolini parato; Aliaga traversa; Correnti alto; Iurato gol; Brumat gol; Ciccone traversa; Esposito a lato; Licciardello gol.  

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Serie D Coppa Italia, Acireale eliminato ai rigori dall'Fc Messina

CataniaToday è in caricamento