rotate-mobile
Verso la Mariglianese

Catania SSD, Ferraro: "Mariglianese squadra giovane e aggressiva"

Il tecnico del Catania SSD Giovanni Ferraro è intervenuto in conferenza stampa per presentare la trasferta con la Mariglianese.

Arriva la prima trasferta "lunga" per il Catania che affronterà la Mariglianese domenica alle 15. Nella sala stampa del "Massimino" ha parlato in conferenza pre-gara l’allenatore rossazzurro Giovanni Ferraro. Tanti i temi trattati.

"Questa è la prima volta che giochiamo lontano dalla Sicilia. La Mariglianese è una squadra giovane ma molto aggressiva. Fuori casa c’è sempre un dispendio di energie notevole, fermo restando che la società ci mette sempre nelle condizioni di affrontare la trasferta con la massima comodità organizzando gli spostamenti nei minimi dettagli. Dovremo affrontare la gara con grande intensità e ritmi alti perchè loro sono una buona squadra. Sappiamo, inoltre, che chi gioca contro il Catania fa tutto il possibile per cercare un risultato storico. Ci aggrediranno quindi sarà importante liberarci del pallone e fargli male soprattutto superando la prima pressione con gioco palla a terra. Dovremo farci trovare pronti in tutte le zone del campo superando ogni insidia. L'avversario presenta tanti giovani di belle speranze allenati da un ottimo tecnico che giocheranno con la massima concentrazione e applicazione. Vorranno mettersi in mostra per cercare in futuro di militare in squadre più blasonate o calcare palcoscenici tra i professionisti. La partita sarà disputata davanti a un pubblico importante e con numerosi osservatori campani presenti, dovremo stare attenti. De Luca all’occorrenza punta centrale? In quel reparto ho a disposizione attaccanti di movimento. Possiamo sfruttarne le caratteristiche senza fossilizzarci sulla posizione in campo. Recuperiamo Pino, gli altri giocatori rientreranno mercoledì o la settimana successiva. Al di là delle assenze la rosa è ampia. Proprio questo ci permette anche di non forzare i tempi di recupero con qualcuno per evitare ricadute. Possiamo aspettare qualche giorno in più. Dobbiamo cercare di portare tutti i calciatori ad una condizione fisica e mentale ottimale sia chi subentra che chi gioca dall’inizio. Dobbiamo salvaguardare il gruppo tramite le prestazioni, le vittorie e l’entusiasmo, che i giocatori hanno di continuo. Noto tanti sorrisi in allenamento, da due mesi a questa parte c’è più energia ed empatia nel gruppo. Vincere sicuramente aiuta. Ferrara in difesa? Lui ha esordito facendo una buona partita. Tutti stanno bene. I nostri centrali Over sono molto bravi, fanno parte di una rosa ampia in cui tutti sono utili. Dobbiamo essere onorati di vestire la maglia del Catania, di essere stati scelti dalla società e della spinta del pubblico, a cui possiamo solo dedicare prestazioni e risultati, consapevoli dell’importanza di rappresentare i colori rossazzurri. Giovinco scenderà in campo a Cercola? La società ci ha messo a disposizione un parco attaccanti di prima scelta. L’importante è che il Catania segni qualche goal in più degli avversari, a prescindere da chi giochi. Sono attaccanti di grande qualità. Sono tanti ed è anche difficile ricordare tutti i nomi - dice ironicamente Ferraro -. Abbiamo tanta possibilità di scegliere anche in difesa e centrocampo. Non mi piace che i familiari vengano a vedere le partite al campo, magari lo farà più in là quando raggiungeremo l’obiettivo. Per me questo è un lavoro e lo vivo come tale, ho fatto sempre così. Mio padre, che ora non c’è più, diceva sempre di non vedermi al campo per non creare confusione. Ho mantenuto questa idea. Speriamo di festeggiare la vittoria del campionato".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Catania SSD, Ferraro: "Mariglianese squadra giovane e aggressiva"

CataniaToday è in caricamento