Calciomercato Catania, nomi in uscita: ceduti Sciacca e Ricchiuti

L'argentino approda alla Virtus Entella, mentre il giovane centrocampista rossazzurro raggiunge Antenucci alla Ternana. I loro nomi si affiancano a quelli di Cani, approdato al Carpi e Terracciano, destinazione Avellino

@Tm News-Infophoto

Svoltire la rosa è l'imperativo categorico in casa rossazzurra. Mentre continua a restare in bilico il futuro di Gomez, annunciato da tempo all'Atletico Madrid, ma ancora fermo a Catania, inziano le prime cessioni. Adrian Ricchiuti approda in Lega Pro alla Virtus Entella. L'argentino saluta la piazza etnea dopo 4 stagioni.

Lontano da Catania anche il destino di Fabio Sciacca. Il giovane centrocampista approda alla Ternana in prestito (fino al 30 Giugno 2014) con diritto di riscatto. Altro nome in uscita quello del centravanti Cani: andrà a rinforzare il neopromosso Carpi. Terracciano arriva invece all'Avellino (diritto di riscatto per i campani).

Ma a tenere banco nel mercato in uscita è la questione Gomez. Il presidente Pulvirenti ha spiegato che "Non è scritto da nessuna parte che il ragazzo debba lasciare Catania". Un'affermazione che potrebbe ancora lasciare aperte le porte della speranza per un futuro del "Papu" in rossazzurro.

Dall'altro lato si intensificano però le voci di mercato. Come riportato da sky sport infatti, sul trequartista argentino ci sarebbe l'interesse del Metalist, che nelle ultime ore avrebbe offerto 6 milioni di euro al club etneo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento