Catania, Ragusa e Brighenti i primi nomi: in attesa delle firme di Marino e Baiocco

Mancano solo le firme: quella di Marino, che dovrebbe arrivare a giorni. Poi sarà il turno di Davide Baiocco dopo l'esperienza con l'Akragas. Resta da sciogliere il nodo attacco: Calaiò e Maniero non potrebbero coesistere in un attacco a 3. Riflettori puntati sul numero 9, ma non è escluso possa restare

Antonino Ragusa, foto tutticalciatori.net

Mancano solo le firme: quella di Pasquale Marino, che dovrebbe arrivare a giorni. Poi sarà il turno di Davide Baiocco, che dopo aver chiuso definitivamente l’avventura con l’Akgrakas potrà andare a ricoprire un ruolo importante nell’organigramma societario rossazzurro, probabilmente come club manager, vero e proprio tramite tra società e spogliatoio rossazzurro. La scelta del tecnico di Marsala, rimbalzata nella giornata di ieri dopo il congedo ufficiale dal Vicenza riportato sui social network, agita i primi rumors in chiave mercato. Il  4-3-3 collaudato e ormai consolidato negli schemi di gioco di Marino, impone ai rossazzurri di cercare con insistenza almeno due esterni offensivi.

Il nome caldo e che la società di via Magenta avrebbe sondato è quello di Ragusa, attualmente in comproprietà tra Genoa  e Pescara e la passata stagione in forza al Vicenza. Altro nome da monitorare per la difesa invece quello di Brighenti, un centrale difensivo classe 89 dal profilo interessante e anche lui in forza quest’anno nel Vicenza di mister Marino. Gyomber invece tra i partenti e potrebbe seguirlo anche Sauro, per quest'ultimo però destino non scontato e tutto da scrivere. Il Catania potrebbe quindi effettuare, in caso di partenza dell'argentino, due innesti in difesa, senza dimenticare il ritorno alla base del giovane Erick Cabalceta, l'anno scorso in prestito al Cartagìnes (Costa Rica). Il Catania dovrà decidere se credere e puntare su di lui. Ruolo importante da colmare per il futuro, anche alla luce della probabile partenza di Rinaudo, sarà quello di playmaker in mezzo al campo. Anche in questa zona del campo Cosentino dovrà cercare il profilo giusto.

Resta da sciogliere il nodo attacco. Tempo fa la nostra redazione aveva registrato la volontà del club di ripartire da una figura come quella di Calaiò, terminale offensivo imprescindibile. Giocare e coesistere in campo con Maniero sarebbe però impossibile alla luce di uno schieramento a 3 in attacco. Allora è chiaro che un giocatore come Calaiò faccia gola anche in serie a e l’interessamento di Chievo e Atalanta diventa un fattore importante. Stesso discorso per Maniero, nelle ultime ore sarebbero infatti rimbalzate voci su un presunto interessamento del Cagliari.

Uno dei due centravanti destinato a partire? I riflettori sono puntati tutti su Calaiò. Non è da escludere però che un colloquio con il futuro tecnico Marino possa riavvicinare la strada del numero 9 con quella del Catania, per costruire una stagione, lunga ed estenuante come la serie b,  vincente, anche avvicendandosi con un valido compagno di reparto come Maniero.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

  • Bancarotta fraudolenta, sotto sequestro 3 ristoranti: arrestato il titolare del "Cantiniere"

  • Ritrovato cadavere di un uomo carbonizzato: indagano i carabinieri

Torna su
CataniaToday è in caricamento