Casertana-Catania, probabili formazioni: Pancaro sceglie la sua formazione tipo

Dopo il tour de force iniziale, i rossazzurri hanno finalmente avuto una settimana piena per preparare il posticipo in Campania. Il tecnico dovrebbe allora proporre la stessa formazione vista contro il Catanzaro: dentro Agazzi al posto dell'infortunato Musacci, e Garufo a scapito di Parisi

Sfida ad alta quota tra Casertana e Catania che alle ore 20.00 si affronteranno allo stadio "Pinto" di Caserta. Una prova dall'alto quoziente di difficoltà, ma che gli uomini di Pancaro proveranno ad affrontare con lo spirito e l'organizzazione di sempre, per mantenere l'imbattibilità e continuare la lunghissima striscia positiva. Dopo la rifinitura di ieri e la partenza in Campania, Pancaro ha lasciato a casa i soli Musacci, Plasmati e Ferrario, ancora infortunati. Il resto dei componenti sarà a disposizione e si giocherà una maglia da titolare.

QUI CATANIA. Bastianoni ha ormai convinto il tecnico e addetti ai lavori: dovrebb partire lui titolare. In difesa possibile il ritorno di Garufo dall'inizio, in panchina slitterebbe Parisi. Nunzella a sinistra e al centro la collaudatissima coppia Pelagatti, Bergamelli. Agazzi rileverà Musacci, per il resto la cerniera sarà completata dai soliti Castiglia e Scarsella. In avanti il trio titolare si conferma: Russotto, Calil, Calderini.

CASERTANA-CATANIA FORMAZIONI

Catania 4-3-3 Bastianoni, Garufo, Pelagatti, Bergamelli, Nunzella, Agazzi, Scarsella, Castiglia, Russotto, Calil, Calderini (Falcone)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

Torna su
CataniaToday è in caricamento