Il Catania rialza la testa al "Massimino", tre punti contro la Casertana

Dopo la sconfitta rimediata contro il Siracusa gli uomini di Rigoli dimostrano di avere forza e carattere, conquistando una vittoria importante. Buona la prova dei rossazzurri che riescono a creare numerose palle-gol nonostante le condizioni non ottimali del manto erboso

Reazione doveva essere e reazione è stata. Gli uomini di Rigoli dimostrano di avere forza e carattere, conquistando tre punti importanti. Sono sette adesso le vittorie consecutive conquistate tra le mura amiche dai rossazzurri.

LE PAGELLE

Il tecnico degli etnei dimostra di aver trovato la quadratura del cerchio e il nuovo ruolo di Mazzarani risulta essere sempre più decisivo. Importante anche il rientro di capitan Biagianti per dare sostanza e qualità in mezzo al campo. Giocate deliziose invece di Russotto, in grado di infiammare gli spalti nonostante le basse temperature odierne.

CATANIA AGGRESSIVO. Inizio arrembante del Catania nonostante il manto erboso non permetta alle due squadre di giocare a calcio in maniera fluida. Ci pensa Russotto a riscaldare il pubblico sugli spalti, alle prese con una temperatura invernale. Prima conclude a rete, su assist di Biagianti, e il suo tiro viene deviato sul palo dall’esremo difensore Ginestra. Dopo inventa una giocata d’autore, con un sinstro dal limite che si spegne sulla traversa. Episodi indicativi di una squadra, quella rossazzurra, che è riuscita ad impattare bene la gara.

I rossazzurri provano a sfruttare il momento di forma strepitoso del numero 10, ma anche la duttilità di Mazzarani, bravo a rifinire l’azione e anche nel muoversi sul tutto il fronte d’attacco, favorendo talvolta gli inserimenti senza palla di Biagianti, costantemente a ridosso delle punte. Gli ospiti si limitano invece a contenere. Nell’unica sortita offensiva della gara bussano pericolosamente dalle parti di Pisseri. Prima con una conclusione di Rajcic sporcata sul palo e dopo con un tiro dalla media distanza di Corado che si spegne a lato,ma non di molto. Tutto nell’arco di pochi secondi. Il Catania risponde e prova a sbloccare il match con alcune iniziative interessanti di Mazzarani: in una è il manto erboso a tradire il numero 32.

MAZZARANI ANCORA IN GOL. Mazzarani assoluto protagonista della seconda frazione. Prima un episodio dubbio al minuto 54: il numero 32 degli etnei anticipa portiere ed avversario e cade in area di rigore. Per il direttore di gara non c’è nulla, ma l’episodio resta dubbio. Sugli spalti il clima si fa incadescente. Il Catania alza il baricentro spinto dal pubblico e trova il meritato vantaggio al minuto 59, grazie al destro di Mazzarani scagliato dall’interno dell’area di rigore. Ennesimo gol del numero 32 nella nuova posizione disegnata da Rigoli, a ridosso delle due punte.

I pericoli dalle parti di Pisseri non arrivano, grazie alla buona prova del pacchetto arretrato etneo. Da segnalare gli ingressi in campo di Barisic e Nava, due uomini che potranno dire molto nel girone di ritorno.

TABELLINO CATANIA-CASERTANA 1-0 (Mazzarani 59')

Catania 4-3-3: Pisseri, Di Cecco, Bergamelli, Bastrini, Djordjevic, Scoppa, Biagianti, Bucolo, Russotto (Nava 86'), Calil (Barisic 65'), Mazzarani

Casertana: Ginestra, Finizio, Rainone, Lorenzini, Ramos, De Marco, Rajcic, Giorno, Carlini, Corado, Giannone (Taurino 61’)

Ammoniti: Rainone, Giorno; Mazzarani

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Coronavirus, morto l'avvocato Ferlito: per lui era stato lanciato un appello ai donatori di plasma

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento